Puglia e dissesto idrogeologico, arrivano 29 milioni di euro

Mattinata
1 milione di euro è stato destinato per la messa in sicurezza della falesia della spiaggia a Sud e a Nord di Baia delle Zagare e Baia Mergoli

Emiliano: “Nostra priorità cura del territorio assieme a fattore tempo”

29 milioni di euro in opere a difesa del territorio contro il dissesto idrogeologico. Gli interventi e i relativi fondi sono stati deliberati ieri nella riunione di Giunta su proposta  del vicepresidente della Regione Puglia e assessore a Infrastrutture, Difesa del suolo e rischio sismico, Raffaele Piemontese.

Tutta la regione è interessata da questa sostanziosa cura contro il rischio idrogeologico, che prevede 9 interventi. Sei sono gli interventi prioritari per la mitigazione del rischio idrogeologico definito con il Ministero della Transizione Ecologica; un gruppo di altri tre interventi sono stati definiti con il Dipartimento “Casa Italia” della Presidenza del Consiglio dei Ministri: tutti saranno attuati a cura del Presidente della Regione Puglia, in qualità di Commissario di Governo per il contrasto del dissesto idrogeologico.

I 28 milioni 754.285 euro deliberati oggi si aggiungono ai circa 38 milioni di euro del pacchetto di opere di messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico, di edifici e sulla viabilità con cui era stato inaugurato il 2022

Gli interventi

Rilevanti alcuni interventi in provincia di Bari e Lecce. Nel territorio di Capurso saranno attuati lavori per 4 milioni e mezzo di euro a protezione dell’abitato, in località Madonna del Pozzo, e della provinciale 240 deviando i deflussi naturali oltre la ferrovia. A Scorrano sono stati destinati 2 milioni e mezzo di euro per mettere in sicurezza la zona “Vora” del Genio civile a Sud dell’abitato.

In provincia di Foggia, due interventi si concentrano nel territorio dei Cinque Reali Siti: è prevista la sistemazione idraulica del territorio di Carapelle e dell’omonimo torrente (5 milioni di euro). E’ stato previsto a anche il completamento delle opere di mitigazione del rischio idraulico su  Viale della Stazione a Ordona  per 2 milioni e 46 mila euro.

A Mattinata 1 milione di euro è stato destinato per la messa in sicurezza della falesia della spiaggia a Sud e a Nord di Baia delle Zagare e Baia Mergoli, uno dei tratti più identitari della costa pugliese. Previsti interventi di messa in sicurezza anche del tratto di costa a Punta Grugno per 300 mila euro.

In agro di Brindisi sono stati approvati tre interventi di mitigazione idraulica. Riguardano i territori attraversati dal canale Patri, per 5 milioni e 398mila euro e  l’abitato di Seclì piccolo comune delle Serre Salentine in provincia di Lecce, con interventi per 4 milioni e 80 mila euro. Infine è stato deciso il ripristino della funzionalità di Lama San Giorgio a Bari, per 3 milioni 933.685 euro.

“La cura e la tutela del territorio è una nostra priorità. Lavori per i quali il fattore tempo fa la differenza e quindi da avviare e completare nel più breve tempo possibile al fine di garantire la difesa del suolo e dei cittadini”. Questo il commento del Commissario di governo per il contrasto del dissesto idrogeologico e presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.

Articoli correlati