Input your search keywords and press Enter.

Puglia, campagna antincendio boschivo

Il 15 giugno è partita in Puglia la campagna AIB (antincendio boschivo) 2014. È attiva, 24 ore su 24, la SOUP (Sala Operativa Unificata Permanente), composta da rappresentanti della Protezione Civile, del Corpo Forestale dello Stato, dei Vigili del Fuoco e dell’Arif (Agenzia Regionale per la attività Irrigue e Forestali). La SOUP sovrintende all’ottimizzazione delle risorse umane e dei mezzi operativi sul territorio regionale, coordina e gestisce gli interventi AIB a livello locale, regionale e nazionale (interagendo con il COAU-Centro Operativo Aereo Unificato).

Per la campagna AIB 2014 la SOUP si avvale di 44 DOS-Direttori delle Operazioni di Spegnimento, 88 pattuglie del Corpo Forestale dello Stato, 11 squadre e 60 uomini dei Vigili del Fuoco, 400 uomini e 100 mezzi dell’Arif, 650 uomini e 150 mezzi di 130 associazioni di volontariato.

Sentinelle sul territorio saranno i volontari, che hanno compiti di monitoraggio, di informazione e divulgazione di buone prassi presso la popolazione, oltre a dare un contributo attivo durante le attività di spegnimento degli incendi.

Dalla prima settimana di luglio alla prima di settembre proprio il volontariato sarà operativo presso il presidio di Protezione Civile in area garganica dislocato nel distaccamento aeronautico di Jacotenente (Foresta Umbra). Qui coopereranno squadre di volontari delle Regioni Puglia, Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna e dell’Ana-Associazione Nazionale Alpini, coordinati dai funzionari del Servizio Protezione Civile della Regione Puglia.

Guglielmo Minervini, assessore regionale alla Protezione Civile, raccomanda la collaborazione dei cittadini: «Comportamenti responsabili possono prevenire gli incendi nel rispetto della natura e del territorio. Chiunque avvisti un incendio che interessa o minaccia aree boscate, cespugliate, arborate e a pascolo è tenuto a darne immediata comunicazione alle competenti Autorità locali (1515 numero del Corpo Forestale dello Stato e 115 numero dei Vigili del Fuoco), riferendo ogni utile elemento territoriale per la corretta localizzazione dell’evento».

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *