Input your search keywords and press Enter.

Prove di cittadinanza virtuosa

Lontano dagli stereotipi negativi sulla realtà giovanile, si moltiplicano le iniziative di attenzione alla qualità dell’ambiente che vedono protagonisti gli adolescenti e sicuramente la scuola costituisce il soggetto educativo che meglio esprime, a questo riguardo, una funzione propulsiva. D’altronde, come potrebbe essere altrimenti, se si considera che questa istituzione è oggi, più che mai, in prima linea nella formazione del senso della cittadinanza?

giovani_e_ambienteLa scommessa è quella di sviluppare, nel processo di costruzione della persona, un senso di appartenenza alla comunità sociale, che comprenda anche l’habitat in cui essa vive; di favorire un radicamento affettivo che contrasti le spinte al nomadismo giovanile tipico di una società globalizzata e priva di punti di riferimento significativi; di innestare una disponibilità di partecipazione alla vita del territorio che contrasti l’attitudine a “consumare” l’ambiente, con lo sviluppo di comportamenti responsabili. La scuola può svolgere questo compito, misurandosi con tre impegni concreti:
– il primo è quello di coniugare la conoscenza del territorio con il suo ri-conoscimento, che genera un atteggiamento affettivo di cura. I ragazzi amano quel che conoscono e imparano a conoscere quel che viene sperimentato come occasione di prossimità; in questa prospettiva, l’informazione assume un rilievo esistenziale piuttosto che intellettuale e porta a tenere insieme il sapere e il saper fare; riferito all’ambiente, questo significa che i giovanissimi hanno una marcia in più nel rilevare i problemi di un territorio, ma anche le sue risorse più o meno nascoste, tenendo insieme il passato, il presente, il futuro;

– il secondo può essere sintetizzato con il laborioso passaggio dal risiedere all’abitare: tenendo presente che spesso un adolescente shutterstock_22476829frequenta un istituto superiore che è lontano dalla sua casa, è importante che questa mobilità possa essere sperimentata non come un’ulteriore occasione di frammentazione della quotidianità, ma come possibilità feconda di vivere una cittadinanza virtuosa. Quando uno studente arriva a sentirsi in debito con l’ambiente che lo ospita ogni giorno per fare di lui una persona matura e competente, può vivere con autentica generosità qualsiasi esperienza di protagonismo che la scuola gli propone;

– il terzo, infine, consiste nel fatto che la scuola, istituzione educativa intenzionale e formale, è sicuramente il soggetto maggiormente avvantaggiato nella capacità di leggere integralmente la realtà ambientale e di porsi in esso con una logica di rete. Questo comporta un accostamento al territorio rispettoso della sua pluralità, ma anche lo sviluppo di una competenza molto importante: vivere l’appartenenza secondo una prospettiva che insegna a fare sistema. Per i ragazzi, vi è la possibilità di uscire da eventuali situazioni di marginalità sociale, riappropriandosi di una cittadinanza che si esprime attraverso una responsabilità diffusa.

shutterstock_34537723

Quando la scuola e gli adolescenti condividono l’attenzione verso l’educazione ambientale, tutti ne traggono beneficio: è un esercizio positivo di partecipazione sociale e politica (nel senso più alto del termine), che mette le nuove generazioni al centro di una nuova progettazione e interpretazione della qualità della vita di un territorio e consente alla scuola di offrire percorsi formativi in cui realismo e utopia si intrecciano in una pedagogia dello stare con e dell’essere per, che sono le due facce di una cittadinanza efficace.

Marianna Pacucci sociologa, si interessa in particolare di  problrematiche legate ai giovani e alla famiglia

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *