Input your search keywords and press Enter.

Protestano pescatori e armatori pugliesi

Anche in Puglia esplode la protesta dei pescatori e degli armatori. Operatori e armatori della marineria di Barletta, Trani e Bisceglie, in particolare, hanno deciso di aderire allo sciopero già iniziato da altre marinerie nazionali. Si asterranno da ogni attività di pesca a tempo indeterminato.

In una nota sono elencate le ragioni della mobilitazione e le richieste rivolte al Ministero per le Attività agricole e forestali ed agli enti locali. Le motivazioni alla base sono il caro gasolio che ha raggiunto un prezzo elevato e non consente in alcun modo di sostenere e garantire anche un pur minimo salario a tutta la categoria. Si chiede una significativa diminuzione del prezzo come avviene in altri Paesi come Francia e Spagna. Altra rivendicazione è l’introduzione della licenza a punti, della quale si chiede l’abolizione perché significherebbe di fatto impedire di continuare a svolgere l’attività di pesca, a causa delle già numerose difficoltà amministrative e di altro genere.

I pescatori, pertanto, chiedono che durante lo sciopero il mercato ittico rimanga chiuso e la collaborazione dei commercianti di pesce perchè non sia svolta alcuna attività in relazione alla pesca.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *