Input your search keywords and press Enter.

Primavera Mediterranea a Bari

Bari si trasforma in un vero e proprio Giardino dei Sensi:  è questo il tema della quinta edizione di Primavera Mediterranea, che colorerà di verde la città dal 12 al 15 maggio. Vivaisti, architetti, artisti e studiosi saranno impegnati in un’azione di trasformazione e rilettura degli spazi urbani in chiave “green”. La manifestazione è ormai una delle eccellenze del territorio pugliese, oltre a regalare alla città una sostenibilità concreta, ha portato alcuni dei migliori protagonisti del paesaggio e dell’architettura internazionale come Lucien Kroll, Marcel Kalberer, Thilo Folkners, lo studio olandese MVDRV e l’inventore della green guerrillas Richard Reynolds.

primavera mediterranea

Uno degli allestimenti di Primavera Mediterranea delle passate edizioni

Il progetto, come ogni anno, offrirà ai cittadini una versione insolita, inedita e ideale degli spazi urbani: le strade divengono giardini, vere e proprie installazioni artistiche a tema curate da vivaisti e architetti, ove intrattenersi liberamente godendo dell’impatto benefico del bello e del verde; giardini che a loro volta diventano spazi aperti all’espressività, alla creatività, alla cultura grazie ad un programma di eventi, convegni e workshop tematici.

«Per quattro giorni toglieremo spazi alle auto per restituirli alla bellezza, alla fruizione collettiva, al bene comune – dichiara il sindaco Antonio Decaro -. Primavera Mediterranea ha il merito di sensibilizzare i cittadini alla cultura del verde, ma ne ha uno ancora più grande, che è quello di stimolare l’amministrazione comunale a colmare il gap che vede Bari tra le ultime città italiane per percentuali di verde urbano».

Primavera Mediterranea, che è nata in Via Argiro, cuore commerciale della città, per poi allargarsi ad altre strade e zone del borgo murattiano, coinvolgendo via via sempre più persone, tra privati e commercianti. L’edizione 2016 si carica di ulteriori significati, perché si colloca a ridosso di interventi “green” del comune, come la realizzazione del parco della ex caserma Rossani e l’avvio dei lavori per la bonifica definitiva della ex Fibronit, mentre è agli sgoccioli il cantiere dell’ex Gasometro su cui sorgerà un’area attrezzata a verde per il quartiere il cui progetto è ora in via di redazione. «Ma intendiamo anche fare interventi di greening urbano – continua Decaro – su aree abbandonate all’interno della città, che con piccoli investimenti e, soprattutto, con pochissima manutenzione possono comunque migliorare il volto della città e la qualità dell’ambiente urbano».

Entusiasta Nuccia Rossiello, presidente di Promoverde Puglia, che dal suo esordio cura e promuove una manifestazione: «Quest’anno anche gli operatori del mercato di via Mazzini hanno voluto essere coinvolti e nei giorni dell’iniziativa distribuiranno frutta e ospiteranno un focus sull’alimentazione –spiega – . Coinvolgeremo anche le scuole e i bambini con momenti ludici e lezioni dedicate, senza dimenticare gli adulti cui saranno rivolte attività culturali, workshop e show cooking negli spazi allestiti a verde. Una novità è rappresentata dalla commistione tra giardini, arte e cultura: nei corner verdi ospiteremo piastrelle d’artista, per tornare a porre l’attenzione sulla bellezza e sulle molteplici espressioni dell’arte e della cultura, due ingredienti fondamentali per vivere meglio».

Per conoscere tutti gli eventi clicca qui

Print Friendly, PDF & Email

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *