Premio CIAL per l’Ambiente ad un film svedese

È una produzione svedese a vincere il Premio CIAL per l’Ambiente al Giffoni Film Festival. Il Premio CIAL per l’Ambiente è stato istituito nel 2005 con il patrocinio del ministero dell’Ambiente ed è giunto ormai alla sua decima edizione.

La giuria, composta da dieci studenti selezionati da CIAL e dal Giffoni attraverso il concorso scuola nazionale Obiettivo Alluminio – Movie Experience, ha scelto di assegnare il Premio CIAL per l’Ambiente al film Broken Hill Blues, in concorso nella categoria Generator + 16 (giurati dai 16 ai 18 anni).

Il film Broken Hill Blues è ambientato nella cittadina più a nord della Svezia, Kiruna, dove gran parte della popolazione vive grazie alle estrazioni di metallo da una miniera. Il film si concentra sulla storia dei protagonisti che si trovano a vivere il passaggio dall’adolescenza all’età adulta, proprio quando molti dei loro concittadini sono costretti a lasciare la città a causa delle continue scosse e deflagrazioni che scuotono la terra.

Il Premio CIAL per l’Ambiente è stato assegnato a questo film, in particolare, per l’approccio poetico e al tempo stesso concreto che la regista Sofia Norlin ha adoperato per evidenziare il rapporto fra il territorio d’origine e i membri più giovani di una piccola comunità.

Articoli correlati