Input your search keywords and press Enter.

Pre-apertura della stagione venatoria, WWF dissente

La stagione venatoria è alle porte ed il copione, denuncia il WWF Puglia, è sempre lo stesso: la solita deroga alla normativa vigente permetterà di sparare sin dall’inizio di settembre.

La normativa nazionale fissa il periodo di caccia alla tortora tra la terza domenica di settembre ed il 31 dicembre. L’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) ha però ritenuto «accettabile sotto il profilo biologico e tecnico» anticipare l’apertura della stagione all’1 settembre. La Regione Puglia ha dunque concesso la pre-apertura della stagione.

L’anticipo di 15 giorni – osserva ancora WWF Puglia – recherà un notevole disturbo a numerosissime specie migratrici e stanziali sia indirettamente (basti pensare al rumore degli spari) sia direttamente. Le Tortore selvatiche (Streptopelia turtur) sono pochissime in questi giorni: si rischia di assistere alla mattanza di specie simili come la Tortora dal collare e i Piccioni domestici e selvatici, tutte specie non cacciabili.

«Il business delle doppiette male si concilia con le politiche di tutela del territorio tanto sbandierate da questa Giunta Regionale», ha dichiarato il dott. Mauro Sasso, vicepresidente del WWF Puglia e referente per la biodiversità.

«Dopo l’annullamento delle esercitazioni a fuoco nel Parco dell’Alta Murgia – aggiunge Sasso – un altro fiume di piombo si sta per depositare sulle nostre terre». In un recente rapporto, l’ISPRA ha evidenziato come le munizioni di piombo siano in grado di avvelenare gli uccelli selvatici, contaminare il terreno e determinare un rischio sanitario per l’uomo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *