Input your search keywords and press Enter.

PPTR: Barbanente, non sussistono i vizi di illegittimità per la revoca del provvedimento

Di seguito, la risposta dell’assessore alla Qualità del Territorio della Regione Puglia Angela Barbanente  (nella foto) all’onorevole Antonio Distaso, vicesegretario del Pdl pugliese.

“Ribadisco quanto già ho evidenziato al presidente del gruppo consiliare Pdl, Zullo. Solo in presenza di vizi di illegittimità è possibile revocare un provvedimento amministrativo. Non rilevo nel procedimento di adozione del PPTR profili di illegittimità che ne possano giustificare la revoca in autotutela. Il Piano, infatti, è stato adottato seguendo scrupolosamente l’iter previsto dalla Legge regionale n. 20, approvata a maggioranza dal Consiglio regionale, con l’astensione dell’opposizione, il 7 ottobre 2009, nonché il Codice dei Beni culturali e del paesaggio.
Ometto di riportare in dettaglio i singoli passaggi della procedura. Mi preme qui evidenziare che è già stata trasmessa alla segreteria della Giunta regionale la proposta di deliberazione per la proroga del periodo di pubblicazione del PPTR di cui al comma 4 dell’art.2 della LR 20/2009 fino al 7 ottobre 2013, consentendo, pertanto, che le osservazioni da parte di chiunque ne abbia interesse possano essere presentate sino al 6 novembre 2013″.
“Faccio presente che nella stessa proposta di deliberazione si danno indicazioni per la presentazione delle osservazioni al fine di facilitarne l’istruttoria e l’eventuale recepimento”.
“Mi auguro quindi che tutti gli errori, i problemi e le criticità siano puntualmente segnalati da parte dei soggetti interessati perché si possa giungere rapidamente a una versione condivisa del piano. Se vi sono errori o criticità che possono danneggiare attività economiche pugliesi, non avremo difficoltà a rimuoverli. Ma a tal fine è essenziale che quindi si superi rapidamente la fase delle accuse generiche”.
“Ribadisco quanto già ho evidenziato al presidente del gruppo consiliare Pdl, Zullo. Solo in presenza di vizi di illegittimità è possibile revocare un provvedimento amministrativo. Non rilevo nel procedimento di adozione del PPTR profili di illegittimità che ne possano giustificare la revoca in autotutela. Il Piano, infatti, è stato adottato seguendo scrupolosamente l’iter previsto dalla legge regionale n. 20, approvata a maggioranza dal Consiglio regionale, con l’astensione dell’opposizione, il 7 ottobre 2009, nonché il Codice dei Beni culturali e del paesaggio“.
“Ometto di riportare in dettaglio i singoli passaggi della procedura. Mi preme qui evidenziare che è già stata trasmessa alla segreteria della Giunta regionale la proposta di deliberazione per la proroga del periodo di pubblicazione del PPTR di cui al comma 4 dell’art.2 della LR 20/2009 fino al 7 ottobre 2013, consentendo, pertanto, che le osservazioni da parte di chiunque ne abbia interesse possano essere presentate sino al 6 novembre 2013”.
“Faccio presente che nella stessa proposta di deliberazione si danno indicazioni per la presentazione delle osservazioni al fine di facilitarne l’istruttoria e l’eventuale recepimento”.
“Mi auguro quindi che tutti gli errori, i problemi e le criticità siano puntualmente segnalati da parte dei soggetti interessati perché si possa giungere rapidamente a una versione condivisa del piano. Se vi sono errori o criticità che possono danneggiare attività economiche pugliesi, non avremo difficoltà a rimuoverli. Ma a tal fine è essenziale che quindi si superi rapidamente la fase delle accuse generiche”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *