Podcast green: ora parlano di energia e inquinamento

Milano (foto Mirko Bozzato da Pixabay)
Nella Pianura Padana si respira l’aria più contaminata d’Europa. Qui si trovano undici delle venti città europee più inquinate tra cui Milano (foto Mirko Bozzato da Pixabay)

A distanza di un giorno partono due podcast green: Power Stories di Viessmann racconta storie di persone e di energia, Metallaria ingaggia J-Ax per raccontare l’inquinamento atmosferico

 Sono in 8 e raccontano le loro storie: sono persone piene di energia che spiegano perché sono legate al mondo dell’energia. Un progetto diffuso sui canali social – Instagram Facebook, LinkedIn, YouTube – il sito e i due blog di Viessmann, il Gruppo internazionale di quasi 13.000 persone fornitore insieme alla rete degli installatori Partner, di soluzioni di climatizzazione per tutti gli spazi abitativi

Le Power stories di Viessmann

Power Stories, il nuovo podcast firmato Viessmann è  una serie di 8 puntate che raccontano storie di persone e di energia, online  ieri 25 ottobre sulle principali piattaforme di streaming, come Spreaker, Spotify, Apple Podcast, Google Podcast e sul sito viessmann.it. Alla base un’idea speciale di “energia”: quella che scaturisce dalle persone, quella che ognuno di noi dà e riceve e che ci lega gli uni agli altri.

Viessmann_Power StoriesOgni episodio ha come protagonista un Partner per l’Efficienza Energetica, cioè uno dei tanti installatori qualificati di Viessmann in Italia che affida al giornalista e divulgatore Giorgio Tartaro, voce narrante di questa prima edizione, il racconto della sua storia, delle sue sfide, dei suoi traguardi e delle persone che incontra: come Pietro, ad esempio, il cui mestiere, insieme alla passione per la montagna, diventa una risorsa per il paese alpino Chamois, in Val d’Aosta, dove non circolano le automobili e i trasporti si effettuano ancora come un tempo; come Annalisa, che ha scelto la stessa professione del papà  installatore, cui è sempre stata legatissima, e  ci racconta cosa ha affrontato per affermarsi come imprenditrice in una professione storicamente maschile; o ancora come Marco, che a Enna, città di montagna della Sicilia, ha intravisto le potenzialità del fotovoltaico prima che questa tecnologia si affermasse con successo.

Ad accompagnarci in questo viaggio per l’Italia, la calda voce di Giorgio Tartaro, giornalista e divulgatore. Dopo i primi tre episodi, i successivi saranno pubblicati settimanalmente.

L’iniziativa dà seguito all’esperienza delle Partner Stories, il progetto lanciato durante il periodo di lockdown, che ha visto la realizzazione di una serie di interviste Instagram ai Partner per l’Efficienza Energetica volte a conoscere da vicino i migliori installatori Viessmann d’Italia.

Il podcast in crescendo

Per raccontare questo nuovo ciclo di storie, il podcast appare come lo strumento ideale: è infatti uno dei fenomeni recenti di maggior rilievo, il cui potenziale come strumento di comunicazione è cresciuto enormemente nell’ultimo periodo, in particolare da quando le abitudini di ascolto sono cambiate, e si è assistito a una crescita esponenziale dell’interesse verso questo medium. Il mondo del podcast è oggi molto noto al pubblico, quasi il 90% degli italiani che utilizzano dispositivi digitali è infatti a conoscenza della sua esistenza (fonte: Aipem): in Italia, gli ascoltatori di podcast registrati nel 2020 hanno raggiunto un totale di 13,6 milioni, con un incremento del 15% rispetto all’anno precedente (fonte: Nielsen).

Metallaria,  da Milano

E parte oggi un altro podcast, che però parla di aria inquinata e lo fa partendo da Milano. Nasce così Metallaria, prodotto da CHORA MEDIA – podcast company italiana fondata nel 2020 da Guido Maria Brera, Mario Gianani, Roberto Zanco e Mario Calabresi che la dirige, e promosso dalla fondazione Imation.
Alla base del progetto, la riflessione sull’inquinamento atmosferico, che solo in Italia causa la morte ogni anno di  80mila persone. L’aspettativa di vita di ogni bambino nato a Milano si è ridotta di un anno e mezzo a causa di questo fenomeno. Ed è nella Pianura Padana che si respira l’aria più contaminata d’Europa, dove si trovano undici delle venti città europee più inquinate. Così Guido Brera e J-Ax, insieme a esperti del mondo della scienza e della medicina, ci raccontano cause ed effetti dell’inquinamento dell’aria, cosa è stato fatto, cosa stiamo facendo, e cosa dovremo fare per garantire a chi verrà dopo di noi un’aria migliore di quella che respiriamo oggi.

Gli episodi

cover metallariaNel primo episodio (Un’aria che sa di metallo) si parla proprio di inquinamento partendo dai dati del capoluogo lombardo, con Francesco Petracchini, Direttore dell’Istituto sull’Inquinamento Atmosferico del CNR, che spiega quali sono gli inquinanti, come si misurano, cosa si può e si deve fare per respirare un’aria più pulita, e con Anna Gerometta, Presidentessa della onlus Cittadini per l’Aria di Milano, che racconta le iniziative messe in campo da decine di volontari in tutta Italia per incoraggiare le amministrazioni locali a mettere l’inquinamento atmosferico in cima alle loro priorità.

Nel secondo episodio (Un’epidemia silenziosa), la storia di  Laura, che vive a Milano ed è la mamma di due bambini asmatici, diventa la storia di centinaia di famiglie italiane che vivono in città invase dal traffico e dallo smog che peggiora la qualità della vita di tutti, soprattutto dei più piccoli.
La dottoressa Laura Reali, Presidente della Sezione di Roma dell’ISDE, l’Associazione Internazionale dei Medici per l’Ambiente, e membro dell’Organizzazione Pediatri per un mondo possibile, spiega nel dettaglio le conseguenze dell’aria inquinata per la salute dei bambini.

Nel terzo episodio (Città inquinate, campagne inquinate)si parla di inquinamento dell’aria nelle città italiane e di quanto ancora bisogna lavorare per portare le soglie di tossicità dell’aria sotto i limiti consigliati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità insieme all’epidemiologo Francesco Forastiere , docente all’Imperial College di Londra. E con Giacomo Gerosa, direttore del laboratorio di Ecofisiologia e Fisica ambientale dell’Università Cattolica, sede di Brescia che mostrerà quanto l’aria inquinata sia presente anche in campagna, dove agricoltura e allevamento contribuiscono enormemente all’immissione di sostanze tossiche nell’atmosfera.

Infine nel quarto episodio – Covid e velenil’intervento di Federica Dominici, professoressa di Biostatistica e direttrice della Data Science Initiative all’università di Harvard negli Stati Uniti, che illustrerà la sua scoperta: nelle zone dove si respira l’aria inquinata è molto più probabile ammalarsi di Covid-19. Si torna a Milano con l’intervento finale del professor Roberto Boffi, responsabile di Pneumologia del Centro Anti Fumo dell’Istituto Nazionale Tumori. Che racconterà le sfide che il capoluogo lombardo  deve affrontare per garantire a tutti i milanesi il diritto di vivere in città e respirare aria pulita.

 

Articoli correlati