Input your search keywords and press Enter.

Pianificato il potenziamento e la manutenzione della rete fognaria barese

Amministrazione comunale, Amiu e Acquedotto Pugliese hanno fatto il punto sullo stato del sistema urbano di drenaggio delle acque pluviali e del suo programma di pulizia e manutenzione.

In occasione di un tavolo di concertazione tra gli assessori ai Lavori Pubblici Marco Lacarra e all’Ambiente Maria Maugeri, il presidente dell’Amiu Gianfranco Grandaliano, il responsabile del coordinamento servizi esterni dell’AMIU Antonio Ventrella e la dirigente di AQP Francesca Portincasa, è stata pianificata la pulizia di caditoie e bocche di lupo della Città di Bari, in vista delle piogge invernali.  L’AQP si occuperà della manutenzione della fogna mista e l’AMIU di quella bianca.

L’analisi è stata fatta anche alla luce del Piano di pulizia e manutenzione avviato da AMIU e AQP lo scorso mese di maggio: è risultato che uno dei problemi principali è legato alle abitudini di alcuni cittadini, che si ostinano ad utilizzare caditoie e bocche di lupo a mo’ di cestini dei rifiuti (nella photogallery, i sopralluoghi effettuati da AQP nella città). L’ostruzione delle stesse determina gravi pericoli per la sicurezza pubblica, dall’allagamento delle strade con relativi disagi alla circolazione, alle infiltrazioni nelle fondamenta degli edifici, con danni alla statica dei fabbricati e costi altissimi per la collettività. Di qui l’appello che l’Amministrazione comunale rivolge a tutti i baresi affinché adottino comportamenti rispettosi delle regole e dei beni comuni.

Novità anche sul fronte degli interventi strutturali, come spiega l’assessore ai Lavori Pubblici: «Sono pronti i progetti per la realizzazione di nuovi tronchi di fogna bianca a servizio dei quartieri della città che ne sono ancora sprovvisti. I costi – dichiara Lacarra – per servire tutta la città sono altissimi, si calcolano circa 100 milioni di euro, ma i progetti pronti ci consentiranno di intercettare e utilizzare tutti i finanziamenti che dovessero rendersi disponibili nel breve e medio periodo».

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *