Pesca di frodo, sequestrati ricci e polpi

Segnalati due sub. Il pescato è stato subito rigettato in mare

 

Durante alcuni controlli di contrasto alla pesca di frodo e alla commercializzazione di specie ittica vietata, in due distinti interventi, I finanzieri di Brindisi hanno sequestrato circa 30 chilogrammi tra “ricci di mare” e “polpi”.

I “baschi verdi” della Compagnia Pronto Impiego in collaborazione con i Finanzieri della Sezione Operativa Navale di Brindisi, in località Costa Morena hanno rinvenuto sul bagnasciuga una vasca in plastica, occultata da pannelli di legno, con all’interno circa 25 chilogrammi di “ricci di mare”.

Mentre, a Specchiolla Marina di Carovigno, i Finanzieri della Compagnia di Ostuni, sempre in collaborazione con i militari della Sezione Operativa Navale di Brindisi, nelle ore notturne, hanno sorpreso due sub che avevano pescato 5 chilogrammi di polpi. I due sono stati segnalati alla competente Autorità Marittima.

In entrambi i casi, il prodotto ittico sequestrato, ancora vivo, è stato rigettato in mare per consentire la ripopolazione delle preziose colonie marine.

Articoli correlati