Input your search keywords and press Enter.

Percorsi ciclopedonali nel Parco dell’Alta Murgia

Inaugurati, questa mattina, i lavori del percorso ciclopedonale che va da Jazzo Rosso (Ruvo di Puglia, in provincia di Bari) primo centro visita del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, passa per la Necropoli di San Magno (Corato) e arriva fino ai piedi del Castel del Monte (Andria). La cerimonia ha avuto luogo alla presenza del Presidente del Parco Cesare Veronico, del Direttore del Parco Fabio Modesti, dell’Assessore all’Urbanistica del Comune di Ruvo Caterina Montaruli e di Nicola Amenduni. Il percorso si snoda attraverso numerose località di interesse naturalistico ed archeologico per un totale di 67 km, gran parte dei quali all’interno del Parco.  Il progetto, finanziato per un importo di circa 300.000 euro dal P.O. FESR 2007/2013 – Asse 4 – Mis. 4.4, con il cofinanziamento dell’Ente Parco,  ha dichiarato Cesare Veronico è “un passaggio fondamentale nell’ottica della valorizzazione della mobilità lenta a servizio del turismo-natura e della fruizione da parte degli stessi abitanti del territorio del Parco”.

L’intervento si articola attraverso molteplici azioni (Clicca qui per visionare l’intero progetto): progettazione definitiva ed esecutiva di sette itinerari; allestimento della segnaletica lungo i percorsi (tabelle e segnavia); realizzazione e posa in opera di tabelle d’insieme dei percorsi da posizionare in luoghi strategici dei comuni di Andria, Corato e Ruvo di Puglia e lungo le strade di accesso; realizzazione di quattro aree di pic nic; ripristino di muri a secco e opere in pietra a secco; pulizia dei percorsi con rimozione di rifiuti e micro discariche; realizzazione di materiale informativo cartaceo e digitale.
Importante anche il possibile impatto occupazionale positivo dell’intervento: oltre al personale direttamente coinvolto nelle attività di accompagnamento (guide, animatori ed educatori ambientali) o di gestione dei percorsi (addetti alla manutenzione, alla pulizia dei percorsi, personale dei centri visita) potrà svilupparsi un indotto di servizi di supporto ai turisti, all’ospitalità ed alla promozione di prodotti locali.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *