Input your search keywords and press Enter.

PEFC e Interpol contro corruzione nella filiera del legno

Tronchi di alberi destinati all'industria del legno

Tronchi di alberi destinati all’industria del legno

PEFC Italia e Interpol collaborano per rafforzare gli strumenti anti-corruzione europei, contro le attività illecite nella filiera del legno. Venti i mesi di tempo per indagare le falle nell’attuale normativa comunitaria.

Il traffico illegale danneggia in maniera significativa sia il mercato legale del legno, sia il mercato interno, inteso in senso più ampio (evasione fiscale, riciclaggio e mancato rispetto delle regole del mercato del lavoro). Il punto di maggior vulnerabilità è nella possibilità di corruzione che si verifica in vari punti della catena del commercio (dal taglio illegale alle dogane alla falsificazione dei documenti presentati all’acquirente). PEFC è da tempo impegnata nel certificare la gestione sostenibile e legale delle foreste.

Il progetto di ricerca è finanziato dalla DG Affari Interni della Commissione europea, nell’ambito del Programma ISEC. L’iniziativa è denominata TREES (Timber Regulation Enforcement to protect European wood Sector from criminal infiltration). Obiettivo del progetto, partito ufficialmente il 1° settembre, sarà quello di rinforzare l’attuale regolamento europeo 995/2010 per utilizzarlo non solo come mezzo di contrasto al commercio nella Ue di legname raccolto illegalmente ma anche come strumento anti-corruzione nel settore legno. Un’esigenza quanto mai sentita: la Unione Europea è tutt’oggi tra le maggiori importatrici di legno la cui origine resta spesso poco chiara. Una ricerca finanziata dal Parlamento Europeo quantifica addirittura nel 20% delle importazioni complessive come derivanti da fonti illegali.

Conlegno (Consorzio Servizi Legno Sughero) è il lead partner del progetto, insieme ai partner PEFC Italia (ente normatore nel settore foresta-legno), RiSSC (Centro Ricerca e Studi su Sicurezza e Criminalità), l’olandese CNVP (Connecting Natural Values & People Foundation) e la bulgara RiskMonitor. I partner aassociati sono INTERPOL, PEFC Slovenia, PEFC United Kingdom, PEFC Council (CH), PEFC Germany, PEFC Slovakia, PEFC Norway, Bulgarian Investigators‘ Chamber.

Il primo incontro tra i partner del progetto è in programma venerdì 3 ottobre a Godega di Sant’Urbano (Treviso) durante il tradizionale appuntamento annuale delle associazioni dell’Area Legno. Quest’anno il meeting sarà dedicato al tema Bosco, legno, lavoro: insieme verso il futuro. Sabato 4 ottobre, i dettagli del progetto saranno presentati agli operatori del legno italiani durante il Convegno Nazionale del Legno.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *