Passeggiata medievale o passeggiate “green”?

Trekking lungo la costa oppure tra i vigneti, o per i più temerari, sulle tracce di un vero Brigante. O ancora, passeggiata nell’atmosfera ritrovata di una Bari medievale

Complice un clima tutto sommato ancora mite, continuano gli appuntamenti “green” sul nostro territorio per tutti i tipi di camminatori, per chi è patito del trekking e chi invece sceglie una tranquilla passeggiata. Si parte con gli amanti del trekking per la proposta di sabato 19 novembre. Partendo da Polignano a Mare, esattamente dal Museo d’arte contemporanea “Pino Pascali”, ci si avventurerà tra falesiecalettemarmitte carsiche e grotte costiere fino a raggiungere, a metà del percorso, la splendida Torre Incina. A fare da bussola lungo il cammino, solo il mare e l’Isola dell’Eremita. Si potranno visitare, incontrandoli lungo la strada, il borgo di pescatori di Cala SalaMasseria Pozzo Vivo con la lama omonima ricca di grotte e macchia mediterranea. O ancora Grotta di Sella in contrada Passione, chiamata così per la presenza di un arco naturale creatosi dopo il cedimento della volta della grotta marina sottostante avvenuto in tempi antichissimi. Per informazioni: .

locandina_openbari_museocivico_ok-770x1179La Città di Bari, invece, dedica il weekend alla riscoperta del suo passato medievale. Dal 18 al 20 novembre la città vecchia ospita Open Bari, tre giorni di eventi e attività gratuite volte a riscoprire la storia e il fascino della Bari di quell’epoca. La manifestazione è promossa dall’assessorato alle Culture e Marketing territoriale del Comune di Bari. In giro per le vie e le piazze di Bari vecchia, installazioni multimediali, elementi scenografici, performance teatrali, visite guidate per la città e laboratori didattico-creativi per tutta la famiglia, che si svolgeranno all’interno del Museo civico e nei vicoli della città vecchia conducendo i partecipanti in un viaggio all’indietro nel tempo. E gli allestimenti di stampo medievale resteranno visibili per tutto il periodo natalizio. Il programma e tutte le info di Open Bari sono disponibili sul sito del Museo Civico di Bari .

Rimaniamo a Bari, sempre sabato 19 e domenica 20. Questa volta si parla di sport e sociale. Per la prima volta a Bari si terrà la 5° edizione dell’evento sportivo La Grande Sfida 2016, che vedrà esibirsi i grandi campioni del tennis internazionale. L’assessorato allo Sport ha messo a disposizione dei minori, e delle loro famiglie, che frequentano le parrocchie cittadine e i Centri polivalenti per minori convenzionati con il Comune di Bari, 320 biglietti per l’ingresso gratuito alla manifestazione. A questi biglietti si aggiungono gli 80 messi a disposizione dal gestore del palazzo dello sport per i cittadini disabili e con disagi socio-economici segnalati dai cinque Municipi, come previsto dalla convenzione di gestione del palazzetto.

Tornando alle passeggiate “verdi”, domenica 20 novembre, si può andare a spasso nel Parco dell’Alta Murgia. Il Centro Visita del Parco Torre dei Guardiani organizza un’escursione a piedi. Da masseria Filieri al costone murgiano, nel territorio di Poggibonsi. Il percorso, di circa 6 chilometri, si snoda lungo stradine comunali, mulattiere e interpoderali e offre scorci di interesse paesaggistico e storico-archeologico tra cui la Masseria Filieri, lo Jazzo Filieri e altre strutture in pietra a secco lungo il Costone Murgiano. Dopo la recente ristrutturazione, la Masseria Filieri sta per essere adibita a centro visite del Parco Nazionale dell’Alta Murgia. Per info 0803743487, e-mail prenotazionitorredeiguardiani@gmail.com.

Sulle tracce dei Briganti, invece, e sempre domenica, ci si muove in quel di Martina Franca. Si parte da Masseria Signora, agriturismo tipico della Murgia di Sud Est, per un’escursione sul fondo della gravina del Vuolo, lungo un’antica mulattiera della transumanza, nella Riserva Bosco delle Pianelle. Dopo il bosco di fragni, tra prugnoli e biancospini, si raggiungerà la grotta rifugio del noto Sergente Romano, bandito postunitario, originario di Gioia del Colle, che qui, nell’agosto del 1862 radunò una banda che pare contasse fino a 200 uomini. La passeggiata sarà anche occasione per conoscere le piante ed indagare sulle tracce degli animali selvatici. Il rientro alla Masseria Signora sarà all’insegna del “pranzo del Brigante”. L’iniziativa è organizzata dalla Pro Loco di Martina Franca e si inserisce nel programma di attività della Riserva Bosco delle Pianelle. Tutte le info qui

passeggiata-torre-dei-guardiani
Domenica 20 novembre il Centro Visita del Parco Torre dei Guardiani organizza un’escursione a piedi (© A.T.S. Torre dei Guardiani / Ph. Mirella Campochiaro)

Trekking anche domenicale con l’escursione nel Parco Naturale Dune Costiere. Il Parco in questione vanta paesaggi mozzafiato sia sulla costa che nell’entroterra. Si parte dalla torre costiera di San Leonardo al Pilone, per puntare a nord, verso il faro littorio di Torre Canne. Nella fase conclusiva, la passeggiata solcherà anche l’antico tracciato della via Traiana tra le dune fossili di 25000 mila anni. Per info:

Inoltrandosi in Valle d’Itria, un trekking insolito è quello tra la vitivinicoltura. La camminata è dedicata alla vite, alla sua coltivazione associata alla diffusione delle casedde e dei palmenti, i luoghi dove avveniva la pigiatura dell’uva per trasformarla in mosto, i cui interni sono rimasti intatti. La passeggiata si muove nella campagna di Cisternino al confine con il territorio di Ostuni, attraversando le antiche Contrade rurali di Panza, Specchia e Acquarossa. Lungo il percorso si visitano palmenti all’aperto, tipici delle contrade perché servizi di comune uso, il palmento delle “casedde della morte e un raro palmento rupestre. In Contrada Specchia si può visitare un’area di interesse archeologico, fatto testimoniato dai reperimenti in superficie di cocci ceramici. Qui sorge anche una monumentale specchia. L’itinerario si conclude nella popolosa Contrada Casalini, in una caratteristica braceria; perché non solo l’occhio vuole la sua parte. Info: 

 

 

Articoli correlati