Input your search keywords and press Enter.

Parte il progetto Cittàperte 2011

Promosse dall’Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia, di concerto con le Aziende di Promozione Turistica e l’agenzia Puglia Imperiale, “Le Cittàperte” puntano a valorizzare le eccellenze dei diversi territori della Puglia, partendo proprio dai temi comuni.

Castello di Barletta, il busto di Federico II di Svevia

Un’idea che quest’estate è molto interessante dal punto di vista culturale perché non si escludono dai vari tour le Chiese e i Luoghi di culto, e poi ci sono i Castelli, i Palazzi e le Dimore Storiche, i Musei e i Siti archeologici, l’inevitabile grande risalto alla Natura e all’Ambiente, lo spazio rivolto alla gettonata Enogastronomia e l’attenzione alla bellezza della visita dei Piccoli Borghi. Nato nel 2006 come progetto di accoglienza – con la preminente finalità di “aprire” al turista i tanti luoghi d’interesse in genere durante l’anno poco o per nulla fruibili –  questo cartellone di eventi (sottolineiamo ricchissimo) si è evoluto di anno in anno, divenendo un marchio riconoscibile che racchiude una ampia gamma d’iniziative di animazione e soprattutto di valorizzazione di quanto c’è di meglio in Puglia. Cittàperte passa quindi da una durata di circa due mesi (il solo periodo estivo di punta) della sua prima edizione, alla nuova programmazione per l’intero anno nell’edizione 2011, in linea con gli importanti risultati raggiunti anche sotto il profilo della destagionalizzazione. Inoltre rileviamo che nella brochure 2011 c’è un valore aggiunto, il merito di offrire una vista sintetica delle eccellenze delle sei province, rimandando poi alle edizioni provinciali (come giusto sia) gli approfondimenti e il completamento dell’offerta.

Orecchiette e cime di rape, un classico sulla tavola dei pugliesi

E presenta un’opportunità per i turisti: quest’anno, infatti, oltre a usufruire, delle aperture straordinarie di chiese, castelli, monumenti, musei, siti archeologici, delle visite guidate, delle passeggiate naturalistiche, delle iniziative collaterali come Spiagge d’autore, è possibile provare un’innovativa esperienza di esplorazione del territorio. Un esempio: nell’elenco delle città che aderiscono al programma, laddove saranno presenti particolari simboli grafici, i viaggiatori avranno la possibilità di conoscere dettagliatamente il contesto e le caratteristiche dei beni culturali e turistici, andando al di là dell’apparenza, guardando oltre i muri e percependo i tesori pugliesi esistenti insieme alla realtà antica che un tempo viveva nella nostra terra.

 

Le calde serate tranesi sono allietate da coloratissimi fuochi di artificio

Infatti  a completare l’offerta si possono trovare audioguide e videoguide da scaricare sul portale viaggiareinpuglia.it e utilizzare su semplici lettori mp3 o su ipod e lettori mp4 per scoprire anticipatamente cosa sarà possibile vedere. Anche farsi accompagnare durante la visita. Per i “tecnologici incalliti” l’app PugliaReality+ (utilizzabile su iPhone e smartphone Android) serve anche per guardarsi attorno attraverso la telecamera, inquadrare e, grazie alla realtà aumentata, scoprire cosa visitare nelle vicinanze, percepire la presenza di aree interessanti e, se antiche e distrutte, ricostruirne l’aspetto nel passato. E al termine del viaggio, ecco l’idea per condividere l’esperienza appena vissuta:  sulla nuova comunità PugliaXP si possono inserire commenti, racconti e molte immagini.

(Fonte: www.viaggiareinpuglia.it)

PHOTOGALLERY (fotografie di Gianni Avvantaggiato)

[nggallery id=42]

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *