Input your search keywords and press Enter.

Paesaggi che cambiano: al cinema la denuncia dell’urbanizzazione selvaggia

Paesaggi che cambiano impercettibilmente, sopraffatti da una serrata urbanizzazione: la paesaggista Simonetta Zanon ha delineato questo fil rouge nella selezione di documentari da lei proposti  nel contesto della rassegna cinematografica intitolata, appunto, I paesaggi che cambiano, organizzata dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche e dedicata ad Andrea Zanzotto.

Oggi alle 21, negli spazi Bomben di Treviso, sullo schermo Il suolo minacciato (anno 2009, durata 47’). Il documentario-denuncia di Nicola Dall’Olio (nella foto), facendo parlare le immagini e dando voce a personaggi quali Luca Mercalli, Edoardo Salzano e Carlo Petrini, illustra il disastro del consumo di territorio nell’area parmense: la crescita dell’area metropolitana consuma un ettaro di terreno al giorno minacciando le produzioni agroalimentari d’eccellenza che lì sono nate. Di questo fenomeno si analizzano costi e cause per poi proporre modelli alternativi di sviluppo urbano e di governo del territorio, ispirati alle esperienze maturate in altri contesti urbani. Insieme al regista, presenta e commenta il film Marco Tamaro, direttore della Fondazione Benetton Studi Ricerche.

Negli altri tre documentari che saranno proiettati, i registi racconteranno ancora storie di urbanizzazione selvaggia, indagheranno sulle dinamiche di interesse e potere che vi sono alla base e sveleranno la forza della natura che, talvolta, riesce a resistere alla violenza perpetrata dall’uomo.

A chiusura della rassegna saranno proposti, fra febbraio e aprile 2013, film narrativi selezionati da Luciano Morbiato, esperto di storia e critica cinematografica.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *