Input your search keywords and press Enter.

Il piano di azione nazionale per le energie rinnovabili

In linea con le indicazioni europee, il Bel Paese conta di coprire con le fonti di energia rinnovabili il 17% dei consumi energetici nazionali entro il 2020. Reso noto a metà giugno – entro il termine di fine mese posto dalla direttiva 2009/28/CE – ed elaborato dal Ministero per lo Sviluppo Economico secondo il format della Commissione Europea insieme ai Ministeri competenti, il Piano di Azione Nazionale per le Energie Rinnovabili dell’Italia, in particolare ha determinato al 6,38% la quota di rinnovabili nel consumo energetico del settore trasporti, del 28,97% per l’elettricità e del 15,83% per il riscaldamento e il raffreddamento. Il tutto tenendo conto degli effetti di altre misure relative all’efficienza energetica sul consumo finale di energia, atteso per il 2020 pari a 131,2 Mtep (ossia milioni di tonnellate di petrolio).

tralicci2Nello stilare le misure necessarie al raggiungimento dei vari obiettivi, il documento programmatico si prefigge di intervenire su meccanismi di incentivazione quali i certificati verdi e quelli bianchi (anche detti titoli di efficienza energetica), il conto energia, l’agevolazione fiscale, l’obbligo della quota di biocarburanti. Inoltre, muove dall’intento di non far ricadere questi oneri su consumatori, famiglie ed imprese e mira a realizzare le condizioni necessarie alla rimozione o all’attenuazione di talune barriere per procedimenti autorizzativi, sviluppo di reti intelligenti, specifiche tecniche di apparecchiature e impianti, certificazione degli installatori.

Nello specifico, la copertura dei consumi per riscaldamento/raffreddamento è definita una linea d’azione di primaria importanza, poiché questi rappresentano una porzione molto rilevante dei consumi finali e si associano ad un basso uso di rinnovabili. A tal scopo, oltre ad incentivarne l’uso, si è pensato necessario lo sviluppo di reti di teleriscaldamento, la diffusione di cogenerazione con maggiore controllo dell’uso del calore, l’immissione di biogas nella rete di distribuzione di rete gas naturale.

impianto di produzione di biogas in provincia di Ancona

impianto di produzione di biogas in provincia di Ancona

Per quanto riguarda il carburante nel settore dei trasporti, secondo ordine di grandezza nei consumi nazionali di energia, è invece ipotizzato il ricorso all’importazione di biocarburanti (attualmente la capacità produttiva nazionale annua è di 2 milioni di tonnellate) e un più marcato sviluppo del trasporto elettrico.

Infine, per i consumi d’energia elettrica, si ritiene necessario un adeguamento del sistema, contestuale alla crescita della potenza installata. In particolare, un celere sviluppo per reti e infrastrutture utili a collegamento e piena valorizzazione dell’energia; sistemi di stoccaggio/accumulo/raccolta che consentano il superamento della natura intermittente di alcuni tipi di produzioni di rinnovabili; la realizzazione delle cosiddette “reti intelligenti”.

campo fotovoltaico

campo fotovoltaico

 

 

 

 

 

Con il supporto operativo del Gestore dei Servizi Energetici e la collaborazione degli altri Ministeri coinvolti, il Ministero per lo Sviluppo Economico gestirà un apposito Sistema Italiano di Monitoraggio delle Energie Rinnovabili (SIMERI). Qualora, nel corso degli anni, non si rispettino traiettorie e target intermedi, il Piano dovrà essere aggiornato e lo scostamento corretto.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *