Input your search keywords and press Enter.

A Vico Equense il ristorante è ecosostenibile

Metti una sera a cena in un ristorante ecosostenibile, il primo del genere in Italia.

Da anni Vico Equense è inserito nella lista dei Comuni ricicloni

Siamo a Vico Equense, provincia di Napoli. «Un paese – come spiega il Sindaco Gennaro  Cinque – da anni inserito nella lista nazionale dei Comuni ricicloni per la qualità del servizio effettuato sul territorio». Qui l’emergenza rifiuti si combatte con la strategia “Rifiuti Zero” applicata al campo della ristorazione. Da quest’anno, infatti, la Federalberghi Isola di Capri, in collaborazione con il Comune di Capannori ha dato vita al progetto “Hotel Rifiuti Zero”: una sorta di etichetta ecologica per le piccole imprese del settore della ristorazione e alberghiero in base alla quale le strutture ricettive associate della zona promuovono azioni per ridurre gli scarti e favorire una maggiore sostenibilità ambientale. Obiettivo principale è soprattutto la riduzione della frazione umida, che riguarda circa il 30% della produzione complessiva dei rifiuti dell’area. Detto fatto: a Vico, lo chef Gennaro Esposito, patron del ristorante “Torre del Saracino”, propone all’amministrazione Comunale un progetto pilota per l’installazione di un impianto di compostaggio nel suo ristorante.

Lo chef Gennaro Esposito insieme al sindaco di Vico Equense Gennaro Cinque

Gennaro Esposito può vantare dalla sua un palmares pieno di stelle, due Michelin e una per l’ambiente. Ha accolto con entusiasmo la proposta di diventare ambasciatore della filosofia di vita “Rifiuti Zero”. «La frazione organica – spiega Esposito – rispetto alla totalità dei rifiuti prodotti è quella più consistente e di conseguenza il suo costo di smaltimento è quello che maggiormente incide sulle spese totali, sia per il singolo contribuente sia per la Pubblica Amministrazione. La riduzione di questa frazione gioverebbe a tutti, per effetto di un’evidente diminuzione dei costi». Da qui l’idea di installare una macchina per il compostaggio all’interno della “Torre del Saracino”; e il monitoraggio affidato a David Lind, esperto di eco-sostenibilità e autore del libro Insieme si può, viaggio verso la sostenibilità ambientale e sociale. Un approccio senza dubbio innovativo al tema del riciclo dei rifiuti, che Esposito, uno dei più quotati chef italiani, sta provando ad estendere anche in altri Comuni di eccellenza turistica, prendendo contatti in tutta Italia. Altro particolare non da poco: «come incentivo morale all’iniziativa – ricorda il Sindaco di Vico Equense, Gennaro Cinque – l’attività commerciale di Esposito riceverà uno sconto sulla Tarsu pari al 10% del dovuto annuale».

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *