Input your search keywords and press Enter.

OGM, Monsanto rinuncia a coltivare in Europa

Monsanto rinuncia a coltivare mais geneticamente modificato in Europa. I cittadini sono avversi a queste culture e le normative agricole in vigore severe e stringenti.

L’Italia ha definitivamente messo al bando il mais MON810. Il provvedimento (come già documentato da Ambient&Ambienti) è stato firmato dai ministri della Salute, dell’Agricoltura e dell’Ambiente. Il decreto è conforme alle sentenze della Corte di Giustizia UE, che impongono misure di salvaguardia delle colture tradizionali e biologiche.

Greenpeace ricorda che la società statunitense cercherà di continuare la vendita del suo controverso mais MON810, ultimo residuo delle coltivazioni OGM in Europa. Federica Ferrario, responsabile Campagna Agricoltura Sostenibile di Greenpeace: «Questa è una buona notizia per la ricerca, gli agricoltori ed i cittadini europei. Dopo venti anni di propaganda, Monsanto deve accettare che gli OGM sono tanto inefficaci quanto impopolari. Adesso è urgente la decontaminazione dei due campi in Friuli seminati a giugno con mais OGM. Non c’è più tempo da perdere».

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *