Occupazione giovanile: posti nelle imprese agricole

Occupazione giovanile: secondo i dati ISTAT aumenta la richiesta di risorse umane nel settore agrario, agroalimentare, agroindindustriale con attenzione al campo ecosostenibile

Occupazione giovanile
Foto by Fotolia

Occupazione giovanile: aumenta la necessità di formare personale qualificato. La risposta dell’Istituto Tecnico Tannoia di Corato: Nuovo Indirizzo di Agraria, Agroindustria, Agroalimentare a partire da settembre 2017.

Sono 960.000 i lavoratori che in Puglia hanno trovato occupazione nelle aziende agricole. Secondo l’ISTAT, nel 2015 la Puglia si conferma come la regione con una notevole produzione di pomodori che, con 1,83 milioni di tonnellate, costituisce il 30% dell’intera produzione nazionale; seguono, in termini di risultati quantitativi, l’uva da vino (0,92 milioni di tonnellate, pari al 15,5%), l’uva da tavola (0,83 milioni di tonnellate, pari al 66% dell’intera produzione italiana) e il frumento duro (0,81 milioni di tonnellate, 21,1% della produzione nazionale).

Aumentare l’occupazione giovanile con la formazione

Nonostante i numeri descrivano un quadro positivo dell’economia agricola pugliese, permangono criticità legate soprattutto all’inadeguata preparazione del capitale umano impegnato nel tessuto produttivo, nonché alla poca efficienza tecnica.

Formare risorse umane altamente qualificate in grado di operare, in qualità di periti agrari, con competenze mirate e rispondere alle esigenze del mercato è l’obiettivo dell’Istituto Tecnico “Tannoia” di Corato con il nuovo indirizzo in Agraria, Agroindustria e Agroalimentare – articolazione produzione e trasformazione – in partenza a partire da settembre 2017.

Il settore agricolo è ancora oggi volano di tutto il sistema economico locale e nazionale, ed è indispensabile promuovere l’importanza di una formazione professionale nell’ambito della tecnologia agroalimentare per individuare processi e metodologie utili allo sviluppo e alla valorizzazione di tutti i prodotti di eccellenza del territorio.

Per rispondere a tale esigenza, gli studenti di Agraria Agroalimentare e Agroindisturia dell’ITET Tannoia di Corato avranno la possibilità di conoscere da vicino le realtà imprenditoriali grazie a percorsi di formazione in azienda.

Fondamentale per la costruzione di un programma di ricerca-azione ad hoc è stata la collaborazione con importanti aziende e associazioni pugliesi come Pastificio Granoro, Torre di Nebbia, Cooperativa Terra Maiorum, Parco dell’Alta Murgia, Megamark, Confindustria, Confagricoltura Puglia, Torre di Neglie, Pastificio Riscossa, Food Safety Lab Srl, solo per citarne alcune.

Grazie alla formazione tecnico-scientifica e all’esperienza diretta in azienda, i diplomati in Agraria, Agroalimentare e Agroindustria saranno anche esperti in agricoltura eco-compatibile e sostenibile – settore sempre più in crescita -, in grado di operare nell’organizzazione e gestione delle imprese agrarie, nella produzione e commercializzazione dei prodotti agricoli.

Il nuovo indirizzo è un’interessantissima opportunità per i giovani di non essere costretti a cercare una occupazione lontano dalla propria terra di origine, ma di contribuire alla crescita e allo sviluppo in modo più diretto e partecipativo.

Durante l’anno scolastico, gli studenti del nuovo indirizzo dell’ITET Tannoia approfondiranno materie come Trasformazione dei prodotti mediante i più avanzati processi tecnologici e biotecnologici, progettazione degli interventi di protezione delle zone a rischio, gestione delle attività di promozione e commercializzazione dei prodotti agrari e agroindustriali, attivazione dei processi produttivi ecosostenibili, controllo della qualità fisico-chimica, igienica e organolettica degli alimenti, protezione dei suoli e delle strutture paesaggistiche, gestione del ciclo di smaltimento e riutilizzazione dei reflui e dei residui.

I percorsi formativi così articolati potranno avvalersi di una varietà di approcci e di metodologie fondati tutti sulla esperienza pratica, che garantiranno almeno tre prospettive post-diploma: l’entrata diretta nel mondo del lavoro; la continuazione degli studi presso la Facoltà di Agraria dell’Università di Foggia; lo sviluppo delle competenze presso l’Istituto Tecnico Superiore regionale di alta formazione Agraria che l’Ufficio Scolastico regionale sta realizzando in Puglia.

Per approfondire la conoscenza delle opportunità previste dal nuovo Indirizzo di Agraria, Agroalimentare e Agroindustria, la preside, prof.ssa Nunzia Tarantini, è disponibile presso la sede di Corato in via XXIV Maggio per dare ulteriori informazioni.

Articoli correlati