“Obiettivo Terra”: una fotografia sui Parchi d’Italia

«L’Italia è il Paese leader della biodiversità in Europa, nella sola regione Lazio vi è un numero di specie vegetali maggiore che in tutta la Gran Bretagna. Ora che il turismo naturalistico è in crescita in tutto il mondo, la valorizzazione delle nostre bellezze naturali può creare benessere e occupazione. I parchi sono una risorsa preziosa per uscire dalla crisi economica. Fotografare e far conoscere questa ricchezza italiana è importante!» ha dichiarato Alfonso Pecoraro Scanio, ex Ministro dell’Ambiente e presidente della Fondazione UniVerde, organizzazione che insieme la Società Geografica Italiana Onlus, ha promosso la 3a edizione del concorso di fotografia geografico-ambientale  Obiettivo Terra.

La Fondazione UniVerde e la Società Geografica Italiana organizzano il concorso "Obiettivo Terra"

Le bellissime foto vincitrici della passata edizione (consultabili sulla Repubblica) lasciano l’osservatore senza fiato, esterrefatto da così tanta bellezza. E se si scorge bene, fra le foto vincitrici c’è quella scattata da P. Cutecchia che ritrae un paesaggio pugliese,  proprio il paesaggio “silenzioso” e solitario del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, ritratto nella sua delicata e semplice bellezza.

Obiettivo Terra ha lo scopo di valorizzare il patrimonio dei Parchi nazionali e regionali italiani e sensibilizzare ad una educazione ambientale più profonda. Le fotografie pervenute saranno oggetto di una pre-selezione a cura dei soggetti promotori e la selezione finale con decretazione del vincitore avverrà ad opera di una Giuria di esperti, che comprende: il presidente della Fondazione UniVerde Alfonso Pecoraro Scanio; il presidente della Società Geografica Italiana Franco Salvatori; il giornalista di “La Repubblica” Giovanni Valentini; il geologo Mario Tozzi; il presidente di Federparchi Giampiero Sammuri; il presidente onorario del WWF Italia Fulco Pratesi; la presidente del FAI Ilaria Borletti Buitoni; il presidente di Green Cross Italia e dei VAS Guido Pollice; la presidente di Marevivo Rosalba Giugni; la direttrice del Centro di ricerca visuale dell’Università Bicocca Elena Dell’Agnese; l’editore della “Rivista del Trekking” Italo Clementi. Il presidente della Società Geografica , organizzatrice dell’evento, Franco Salvatori commenta così le motivazioni che hanno spinto all’organizzazione del concorso: «Nonostante i notevolissimi progressi che in Italia sono stati realizzati nel campo dell’educazione ambientale in generale e in quello della protezione naturalistica in particolare, non ci si può permettere di abbassare le guardia. Sono sicuro che iniziative come questa consentano di tenere ben desta la tensione morale per la salvaguardia delle aree protette, in un momento in cui la crisi finanziaria sottrae risorse importanti alla loro gestione».

Il vincitore del concorso fotografico riceverà un premio di 1.000 euro e il fortunato scatto sarà esposto in occasione della 42ª Giornata Mondiale della Terra, 22 aprile 2012, su una maxi affissione a Roma. La cerimonia di premiazione si terrà il 20 aprile 2012 a Roma, presso la sede della Società Geografica Italiana. Saranno anche conferite 5 menzioni speciali alla migliori foto di ognuna delle seguenti categorie: alberi e foreste; animali; area costiera; energie rinnovabili sostenibili nei parchi (menzione per il 2012 anno internazionale Onu dell’energia sostenibile per tutti); paesaggio agricolo. Al concorso si può partecipare inviando una sola fotografia per ogni partecipante in formato digitale all’indirizzo di posta elettronica obiettivoterra3@fondazioneuniverde.it entro e non oltre il 25 marzo 2012. Questo è il regolamento.

La foto scattata nel Parco dell'Alta Murgia da P. Cutecchia è tra le vincitrici della scorsa edizione di "Obiettivo Terra"

Articoli correlati