Input your search keywords and press Enter.

Nuovo bando per alloggi di edilizia pubblica a Bari

È stato pubblicato il nuovo bando per l’assegnazione in locazione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica (ERP) del Comune di Bari. Sarà possibile presentare domanda per accedere alla graduatoria definitiva degli aventi diritto fino al termine del 16 giugno. Per quanto riguarda i lavoratori emigrati all’estero residenti in Europa, il termine è fissato al 16 luglio mentre per quelli emigrati residenti in Paesi extraeuropei il termine è il 31 luglio.

Per accedere alla graduatoria è necessario che al nuovo bando partecipino, oltre ai nuovi aspiranti, anche i soggetti collocati nella graduatoria definitiva relativa al bando del 2008 e tutti coloro che vivano in un alloggio sulla base di assegnazione temporanea. Coloro che non dovessero ripresentare domanda saranno cancellati dall’elenco.

“Questo nuovo bando – ha commentato il sindaco Michele Emiliano – risponde alla necessità di ridisegnare la mappa del fabbisogno abitativo della città. I parametri che consentivano l’accesso all’utilizzo di una casa popolare sono diventati più diffusi. In altri termini quei livelli di reddito che un tempo erano legati solo ad alcune categorie di cittadini marginali, oggi riguardano una fascia molto più ampia della popolazione”. Secondo i dati di Federcasa, sono 583 mila le domande di case popolari in tutta Italia e lo scarto tra domanda ed offerta è notevolmente aumentato. Ciò pone il problema di reperire a livello nazionale le risorse necessarie per far fronte alla domanda delle fasce più deboli della società che non hanno la possibilità di accesso alla proprietà di una prima casa e la capacità reddituale per sopportare i canoni correnti delle locazioni private. Il Comune di Bari, in questo senso, si è dotato del Piano casa, uno strumento efficace per dare risposte concrete all’emergenza ed al disagio abitativo.

Le modalità di partecipazione al bando saranno rese note anche attraverso la diffusione di informazioni nelle sedi circoscrizionali, dei patronati e delle associazioni di categoria.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *