Input your search keywords and press Enter.

Nuove energie a Grottammare

Buon successo di pubblico a Grottammare (AP) per la nona edizione di Nuove Energie, rassegna su fonti rinnovabili, efficienza e sostenibilità, patrocinata dalla Regione Marche: oltre una trentina gli esperti convenuti, circa 300 i partecipanti ai panel di discussione e nell’ordine di diverse centinaia le visite al sito durante i giorni dell’evento, da giovedì 19 a domenica 22 maggio. L’appuntamento, in vista del decennale in grande stile per il prossimo anno, è in autunno con un focus sulla democrazia participata. Molti intanto gli esempi concreti presentati in questo 2011.

Il logo della nona edizione di "Nuove energie"

Protagoniste di “Comuni sostenibili”, alcune aziende che hanno infatti illustrato ad una ventina di amministratori alcune soluzioni pratiche, replicabili ovunque: Sorgenia Menowatt per la pubblica illuminazione a dibawatt, Ricoh Italia BU Nashuatec per l’efficientamento nella gestione documentale, Janus Energy per il riscaldamento fotovoltaico delle piscine ed Eticare e Solideco – per altro organizzatori del festival – la luce a led nei cimiteri (e molto ancora, dal biocatering all’eolico). Idee amiche dell’ambiente e, perchè no, della spesa pubblica.

Protagonista di buona parte del forum è stata la Regione Marche, presente l’assessore all’ambiente Sandro Donati, con la conferenza su “Stato dell’ambiente, governo del territorio, energia sostenibile” e un focus su “Politiche energetiche regionali: attuazioni e prospettive”. Per l’occasione è stato presentato in anteprima regionale il “Rapporto sullo stato dell’ambiente delle Marche. Focus 2010 su mobilità, aria, energia, acqua, rifiuti”.

Le Marche protagoniste di "Nuove energie" con convegni e dibattiti (a sin. l'assessore all'ambiente Sandro Donati)

Promossa su energia, rifiuti (524 kg/abitante), acque di balneazione e acque superficiali, restano per le Marche criticità su una mobilità, troppo sbilanciata sul mezzo privato, che si ripercuote sulla qualità dell’aria. Buona la produzione di energia da rinnovabili che raggiunge quota 20% (da 36 a 104 GWh nel 2010) con una potenza installata di 300MW.

Protagonisti anche gli studenti delle scuole superiori, con il convegno “La scuola energetica” e l’interessante dibattito su come “Uscire dalle vecchie energie”, che ha posto in discussione l’attualissima questione del nucleare e del referendum abrogativo del 12 e 13 giugno, anche all’ombra dei recenti episodi giapponesi a Fukushima.

La mostra fotografica “Sustainable Living in Changing Economy nell'ambito del progetto Setcom

Dati alla mano, votare sì e modificare i propri stili di vita verso le fonti rinnovabili è parsa al tavolo (con esperti da Cern di Ginevra, universitari bolognesi e rappresentanti dell’Associazione per lo studio del Picco del Petrolio) l’unica soluzione.

La manifestazione si è infine chiusa, poche ore fa, con la disamina di alcuni casi locali nell’incontro “Verso un’edilizia sostenibile”: il protocollo Itaca sui criteri costruttivi, l’autocostruzione a Senigallia, le palazzine in bioedilizia a Pesaro della Cooperativa Tecnohabitat e il recupero di un sito inquinante in Ascoli con Restart Srl. Chiuse anche le mostre, quella didattica su “Energia pulita, futuro rinnovabile”, voluta da Legambiente e BCC, nell’ambito dell’iniziativa “La Carovana del Clima”, e quella fotografica “Sustainable Living in Changing Economy”, nata dall’omonimo concorso promosso da Svim all’interno del progetto europeo Setcom.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *