Input your search keywords and press Enter.

Nuove Case dell’acqua a Bari

Altre Case dell’acqua a Bari oltre quella  già in uso in via Aquilino a Japigia. Stamane infatti il sindaco Antonio Decaro ha siglato la convenzione tra Comune di Bari e Acquedotto Pugliese Spa per la gestione operativa  di 3 nuove Case dell’acqua che saranno istallate in via Tresca vecchia a Bari vecchia, nella sede del III Municipio nel quartiere San Paolo e in via Martiri d’Otranto, nel quartiere Libertà, all’interno di locali accessibili dalla strada e che saranno messi a disposizione dai Salesiani. l’accordo di comodato d’uso per la messa a disposizione dei locali della chiesa del Redentore dove sarà ubicata la prima delle nuove case dell’acqua. Il Comune, inoltre, sulla base del comodato d’uso, realizzerà i lavori propedeutici all’installazione delle strutture e avrà accesso ai locali di cui assume le responsabilità.

Ad oggi la casa dell’acqua installata sperimentalmente ad ottobre 2014 a Japigia ha erogato fino allo scorso marzo circa 1.800.000 litri (di cui il 25% circa gassata), ovvero circa 100mila litri al mese. A fronte di questi significativi risultati dal punto di vista ambientale, che hanno contribuito alla riduzione dei consumi di CO2 della città di Bari e allo stesso tempo sviluppato una maggiore sensibilizzazione della cittadinanza verso la qualità dell’acqua pubblica erogata da AQP, il Comune di Bari e l’AQP hanno deciso di proseguire nell’investimento congiunto. Nello specifico l’accordo siglato oggi indica ai due enti i rispettivi compiti: il Comune di Bari si impegna a mettere a disposizione a titolo gratuito gli spazi che ospiteranno le “case dell’acqua” comprensivi degli allacci alla rete idrico-fognaria ed elettrica; l’AQP ad avviare una procedura di gara ad evidenza pubblica per individuare un operatore economico al quale saranno affidati, per un periodo massimo di 3 anni a partire dalla sottoscrizione del contratto, in regime di concessione, l’installazione, la gestione e la manutenzione delle strutture che erogheranno ai consumatori e cittadini l’acqua potabile naturale e gassata, prelevata dalla rete pubblica affidata in gestione ad AQP nonché a monitorare il servizio reso e la qualità dell’acqua erogata dallo stesso operatore.

Le “Casa dell’Acqua” dovranno essere dotate di tre erogatori in grado di fornire gratuitamente acqua di rete naturale nella misura di 1 litro e acqua di rete refrigerata o gassata al prezzo massimo di 5 centesimi di euro/litro. I cittadini potranno riempire bottiglie e contenitori propri e pagheranno tramite chiavette/schede prepagate a scalare acquistabili presso esercizi convenzionati o presso gli Uffici messi a disposizione dal Comune di Bari, o anche mediante monete da immettere in apposita gettoniera.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *