Input your search keywords and press Enter.

No al petrolio in Adriatico, la Puglia si mobilita

«Contro l’economia rapinosa dell’industria dell’estrazione di idrocarburi e il predominio dei combustibili fossili  – scrive il WWF – e per la tutela delle risorse ambientali», è in programma il 21 gennaio a Monopoli, in provincia di Bari, una manifestazione promossa dal “Comitato No petrolio, Sì energie rinnovabili” con l’appoggio dell’associazione ambientalista. In preparazione della dimostrazione pubblica, questa mattina a Bari, nella sede della Regione Puglia si è svolta una conferenza stampa cui hanno aderito la Regione, molti enti locali pugliesi e associazioni. Alla manifestazione di Monopoli è prevista anche la presenza della professoressa Maria Rita D’Orsogna (nella foto), docente all’Università Statale di Northridge in California ed esperta di sostenibilità ambientale, i cui interventi in merito ai danni ambientali delle ricerche e delle trivellazioni di petrolio in Adriatico, sono stati riportati in senato. Pertanto la professoressa D’Orsogna è attesa il giorno 18 gennaio prossimo per un’audizione presso l’ufficio di presidenza delle Commissioni riunite Decima (Industria, Commercio e Turismo) e Tredicesima (Territorio, Ambiente e Beni ambientali) del Senato. In esame l’Atto comunitario COM 2011 – 688 definitivo, sulla Sicurezza delle attività offshore di prospezione, ricerca e produzione nel settore degli idrocarburi.

«Non so ovviamente come sarà questa audizione – ha commentato D’Orsogna -, e non so cosa aspettarmi, ma cercherò di fare il meglio che posso. Sento molto la responsabilità di parlare un po’ a nome di tutti quelli con cui abbiamo lavorato negli ultimi anni, da Pantelleria a Chioggia, dal Curone al Salento, dall’Abruzzo alla Basilicata».

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *