Nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia torna il Festival della Ruralità

Dal 6 all'8 ottobre va in scena il Festival della Ruralità

Dal 6 all’8 ottobre “Il cibo che narra”: un viaggio attraverso storie, sapori identitari e paesaggi millenari

 

Con il titolo “Il cibo che narra” il 6, 7 e 8 ottobre torna il “Festival della Ruralità”, l’evento promosso dal Parco Nazionale dell’Alta Murgia, alla sua sesta edizione per raccontare e valorizzare l’unicità del patrimonio enogastronomico. La Masseria Cimadomo (San Magno, Corato) è la cornice settecentesca dove si svolgerà la tre giorni per condurre i visitatori in un viaggio attraverso storie, sapori identitari e paesaggi dell’Alta Murgia, dove i tanti segni antropici parlano di un legame tra l’uomo e la terra.

In programma vi sono dialoghi intorno al cibo, laboratori esperienziali, itinerari, show cooking, degustazioni, mostre e concerti, che animeranno il Parco rurale più grande d’Italia con la partecipazione di illustri ospiti e di esponenti del Governo. Nel Villaggio del Gusto si potranno degustare i prodotti tipici del paniere del Parco, raccontati da produttori, consorzi di tutela e presidi Slow Food; durante le serate spazio invece alle ricette della tradizione preparate dai cuochi, da assaporare in un ambiente dove profumi, colori e suoni si fondono in maniera suggestiva.

L’identità enogastronomica del Parco dell’Alta Murgia

«Quest’anno – dichiara il presidente Francesco Tarantini – il Parco Nazionale dell’Alta Murgia ha voluto valorizzare il suo patrimonio di prodotti tipici, come si evince sfogliando il calendario 2023 “Paesaggi enogastronomici”. Nei tre giorni di eventi il “Festival della Ruralità” punta a mettere a sistema i vari produttori, consorzi, presidi e associazioni locali, impegnati a vario titolo nella promozione delle nostre eccellenze. Un Festival – conclude Tarantini – che mette a fuoco la connessione tra cibo e territorio carsico dell’Alta Murgia, per far conoscere sempre meglio la sua essenza rurale e promuovere un turismo in chiave sostenibile».

Il presidente del Parco Nazionale dell’Alta Murgia Francesco Tarantini e l’assessore regionale all’agricoltura Donato Pentassuglia alla conferenza stampa di presentazione dell’evento

Da millenni i sapori tipici dell’Alta Murgia narrano di una terra aspra e generosa, culla di eccellenze come il Pane e la Lenticchia di Altamura, il pregiato olio di Coratina, la Burrata di Andria, il Pallone di Gravina, la Mandorla di Toritto e via via. Un universo di eccellenze da raccontare in più declinazioni durante il Festival, che si aprirà con l’incontro inaugurale “Un Parco da gustare: i sapori identitari tra biodiversità, agricoltura sostenibile e turismo enogastronomico”. (tutti gli interventi nel programma del Festival allegato).

Gli eventi

Numerosi gli eventi che seguiranno al taglio del nastro, tra cui la consegna a chi ha valorizzato il Parco del “Premio Nibbio Reale”, i dialoghi intorno al cibo con focus su ogni prodotto del paniere, i laboratori esperienziali per esplorare la scienza dell’enogastronomia, la geologia dell’Alta Murgia e i segreti delle api, gli itinerari tra antiche necropoli e alla scoperta della Mandorla di Toritto, lo show cooking “Le sìneche de la Mùrge pu senàle” con i sindaci dei comuni del Parco, le mostre fotografiche e la proiezione “Abissi del Tempo”, per celebrare i 30 anni dalla scoperta dell’Uomo di Altamura.

Tre gli eventi musicali previsti: l’atteso concerto “Il Cielo è pieno di Stelle” del duo Fabrizio Bosso e Julian Oliver Mazzariello, che rende omaggio a Pino Daniele scomparso nel 2015, ma anche i concerti di musica popolare “Passaggi e Paesaggi Sonori” e “Note di Pane”, il primo con il collettivo murgiano Sossio Banda e U’ Munacidde tra suoni, ritmi e suggestioni del Sud, il secondo di Maria Moramarco Ensemble per raccontare le ancestrali storie della civiltà contadina.

In occasione del Festival della Ruralità la presentazione del “Bando Parco Innova”: un avviso pubblico rivolto a organizzazioni profit e non profit, promosso dal Parco in collaborazione con l’agenzia regionale Arti Puglia per finanziare progetti innovativi per la tutela, la valorizzazione e la fruizione dell’Alta Murgia, favorendo processi in direzione della sostenibilità.

Il programma è disponibile sul sito del Parco: https://www.parcoaltamurgia.it/index.php/festival-della-ruralita 

Articoli correlati