Natale, regali speciali

I prodotti ricondizionati hanno un impatto ecologico inferiore dell’80%, grazie alla maggior durata assicurata ai dispositivi e alla riduzione del volume degli scarti

Indagine Back Market: gli italiani pronti a scegliere prodotti ricondizionati. Sondaggio Dog Heroes: il 63% degli italiani pensa di comprare un regalo al proprio cane

L’88,8% degli italiani è favorevole all’acquisto di un prodotto ricondizionato da mettere sotto l’albero come regalo di Natale ai propri cari: è quanto emerge da un’indagine che Back Market – il primo marketplace che offre accesso a migliaia di prodotti tecnologici ricondizionati da professionisti certificati – ha condotto nel mese in corso attraverso i propri siti web in Italia, Francia, Germania, Inghilterra e Spagna. Il dato è secondo solo a quello della Germania (94%) e ben superiore alla media registrata tra tutti i paesi coinvolti nell’indagine: un significativo 79% che denota fiducia e consenso crescenti da parte dei consumatori dei principali mercati europei nei confronti di questa specifica categoria di offerta.

Perchè sì ai prodotti ricondizionati?

Infografica indagine Back Market - Prodotti ricondizionati e Natale
L’Infografica dell’indagine Back Market sui prodotti ricondizionati e Natale

Le principali motivazioni d’acquisto espresse dai consumatori italiani sono la possibilità di fare un bel dono senza spendere molto (46,9%) e, ancor di più, la consapevolezza che si tratta di un regalo non solo ai propri cari ma anche al Pianeta (53,1%). Nell’attenzione all’ambiente quale favorevole criterio di scelta, peraltro, gli italiani si collocano dietro soltanto agli spagnoli (60%), superando inglesi e tedeschi (entrambi al 51%) e francesi (46%).

D’altronde, oltre a garantire la stessa qualità del nuovo – ma a costi tra il 30 e il 70% più bassi – i prodotti ricondizionati hanno anche un impatto ecologico inferiore dell’80%, grazie alla maggior durata assicurata ai dispositivi e alla riduzione del volume degli scarti. Comprarli, quindi, contribuisce a non sovraccaricare l’ambiente di rifiuti solidi elettronici, oggi la categoria più tossica e in rapida crescita: basti pensare che la sola Back Market, con le vendite effettuate fin dal suo lancio nel 2014, ha evitato quasi 3.000 tonnellate di rifiuti elettronici.

Dal sondaggio emerge anche una quota (11,2%) di consumatori riluttanti all’acquisto, se pur decisamente minoritaria: tra le ragioni addotte la paura di apparire avari (46,2%) è quella più citata dagli italiani, secondi solo ai tedeschi (60%) per questo specifico indicatore. Altri motivi menzionati sono l’abitudine consolidata di non acquistare online i regali di Natale (30,8%) e, nella misura più ridotta, il timore circa la qualità dei prodotti (23,1%).

Anche a Fido il suo regalo di Natale

DogHeroes_giftbox
Le Christmas Box sono speciali scatole con all’interno una selezione di giochi e snack studiati e realizzati per i cani

Se è ormai evidente, causa pandemia, che quest’anno non sarà il “solito Natale”, il Covid-19 sembra non aver demoralizzato i 7 milioni di italiani amanti dei cani, che in vista delle festività non rinunciano a rendere felice il proprio amico a quattro zampe con un regalo speciale. Certo non è necessario arrivare a dedicargli una statua d’oro alta 6 metri come ha fatto il Presidente del Turkmenistan, bastano piccoli pensieri ma è fondamentale che siano adatti a loro, alle loro necessità ed esigenze.

Se in USA l’American Pet Products Association stima che il 46% di chi possiede un animale da compagnia ha intenzione di comprare un regalo per Natale e di spendere in media fino a 50 dollari, anche l’Italia non resta a guardare, anzi fa molto di più. Infatti, in un mercato della pet economy che, in Italia, vale 2,3 mld di euro (di cui 1 mld per i cani) è emerso da un sondaggio realizzato daDog Heroes, startup che propone un servizio di cibo fresco per cani, basato su piani alimentari personalizzati e consegnati a domicilio, che oltre il 63% degli intervistati ha intenzione di comprare un presentino per il proprio beniamino scodinzolante.

Da qui è nata l’idea della startup di creare le Christmas Box. Speciali scatole con all’interno una selezione di giochi e snack studiati e realizzati per i cani: dalla pallina da tennis, al peluche natalizio a forma di renna, al gustoso osso o la raffinata bottiglia di Champagne, fino alla decorazione per l’albero e il cappellino, per chiudere con gli snack in 100% carne di manzo e tacchino essiccata, senza glicerina o additivi.

Articoli correlati