Input your search keywords and press Enter.

Napoli prima nel solar cooling

Napoli premiata per l’energia solare. Il Ministero dell’Ambiente ha infatti approvato il progetto SAHARA – Solar-Assisted Heating And Refrigeration Appliances classificatosi al primo posto, su oltre 130 progetti presentati, nel bando che finanzia idee per incentivare l’utilizzo delle energie rinnovabili in aree urbane. Il progetto, che riceverà dal Ministero un contributo pari a 352mila euro e prevede un investimento totale di 910mila euro, sarà realizzato in partnership da Detec (Dipartimento di Energetica, Termofluidodinamica applicata e Condizionamenti ambientali dell’Università degli Studi di Napoli Federico II), ANEA (Agenzia Napoletana Energia e Ambiente), ARIN (Azienda risorse Idriche Napoletane s.p.a.) e Idaltermo s.r.l. Al centro dell’iniziativa lo sviluppo di un collettore solare altamente innovativo, seguito dalla realizzazione e sperimentazione sull’edificio dell’ARIN, capace di riscaldare, produrre acqua calda sanitaria e di raffrescare, tutto con un sistema integrato ad energia solare. «I prodotti finora realizzati – tiene a chiarire Michele Macaluso direttore di ANEA – confermano le grandi potenzialità dell’energia solare anche per il raffrescamento ad impatto zero, quanto mai necessario alle nostre latitudini, proprio grazie alla tecnologia del solar cooling. In Italia – conclude – se i sistemi Solar Heating (riscaldamento) and Cooling (raffrescamento) arrivassero a coprire il 10% di questi consumi, la riduzione dei consumi finali sarebbe di circa 1 Mtep/anno, con una riduzione delle emissioni di gas serra di circa 3 milioni di t/anno di CO2».

Print Friendly, PDF & Email