Input your search keywords and press Enter.

“Movimento 5 Selle”, quando pedalare fa scuola

I ragazzi del "Costa-Galilei" di Lecce presentano il logo del "Movimento 5 selle"

In un città dove la cultura ciclabile cresce e la domanda di infrastrutture e servizi aumenta, senz’esser, tuttavia, sempre soddisfatta, gli studenti si fanno avanti e tirano fuori un programma di idee e proposte dal titolo “Movimento 5 Selle”. Nulla a che fare con il movimento politico di Beppe Grillo. Ma lo spirito e la vivacità che animano i ragazzi dell’istituto tecnico Costa-Galilei di Lecce non passano certo inosservati.

Sensibilizzare è l’obiettivo principale posto alla base del progetto che dal capoluogo salentino muove il passo. Gli studenti affluiranno in rete cercando di connettere idee, proposte, intuizioni che potranno sorgere dal confronto interattivo attraverso social network e forum sul tema della sostenibilità.

Martino e Gioia, gli studenti promotori del "Movimento 5Selle"

La città è posta dai giovani “ideatori” davanti all’ennesima sfida “concettuale e culturale” tenendo bene presenti quali siano i parametri dettati dall’Europa per la mobilità urbana. Lecce ha visto solo da pochi anni spuntare le prime piste ciclabili. Le difficoltà di compiere un percorso relativamente lungo senza mai scendere dal tracciato rosso su cui pedalare, dopo qualche decina di metri e con una certa costanza, non mancano. Le iniziative di natura sociale e, perché no, anche politica, si sono succedute con intensità, scandendo l’evoluzione di un sistema urbano alquanto lenta. Le strade sono piane e il clima aiuta. Inutile elencare i benefici che derivano dall’incentivazione dell’utilizzo della bicicletta, chiarito e compreso l’impatto sulla salute dei soli gas di scarico. Laddove le distanze sono minime, come a Lecce, il ragionamento dovrebbe venir facile. Eppure i paletti restano, ci spiega una delle studentesse della 2ª B, Gioia: «Le piste sono poche anche se alcune sono in corso di realizzazione». «Purtroppo, in questa città, l’uso delle biciclette – incalza il suo compagno Martino – non viene messo in primo piano perché ovviamente l’uso dei veicoli a motore è più vantaggiosi per chi ha fretta di raggiungere il posto di lavoro.

L'ITS "Costa-Galilei" è fortemente impegnato sul territorio con iniziative di sostenibilità ambientale

Ma non è salutare, noi vogliamo far capire questo».

Il programma di iniziative da mettere in campo è lungo. «Partiremo con una biciclettata in città, – anticipa Gioia – magari in una cornice più ampia che potrebbe essere quella di una vera e propria giornata ecologica». Le intenzione sembrano quelle giuste. D’altra parte, il sostegno dei docenti è assicurato. I risultati del progetto? «L’idea è quella di realizzare entro la fine dell’anno un sito attraverso cui poter veicolare gli eventi e il nostro slogan, ancora in bilico. I primi contenuti saranno inseriti entro due, tre mesi.  Puntiamo a organizzare eventi durante le domeniche. Invitare, per esempio, i ragazzi che fanno sport acrobatico con bici e skate e farli esibire in performance per le strade della città. A tal fine chiederemo ai vigili urbani – dice lo stesso Martino – di chiudere alcune strade almeno qualche ora». Appuntamento a presto, quindi. Automobilisti avvisati: «Alla fine di questo progetto staremo a vedere – concludono i due compagni della 2ª B – quanti di loro in più sapranno dare la precedenza ai ciclisti».

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *