Motocross nel Parco dell’Alta Murgia

Denunciato e sanzionato il giovane centauro dai Carabinieri Forestali. Sequestrata la moto

Nei giorni scorsi, i Carabinieri Forestali delle Stazioni Parco di Andria e Gravina in Puglia hanno sorpreso in località “Lamagenzana” un motociclista mentre praticava motocross al di fuori dai percorsi consentiti.

Questo sport, per via della eccessiva rumorosità delle moto da enduro, disturba la fauna, l’ambiente, i visitatori e gli escursionisti che cercano nel parco un angolo di natura e di tranquillità. Questa attività sportiva, inoltre, tende a modificare notevolmente il territorio creando nuove piste in terra battuta tra la vegetazione, alla ricerca di nuove prestazioni motociclistiche e nuovi ostacoli da superare, aumentando le difficoltà tecniche e la spettacolarizzazione delle performance, molto ricercate dagli sportivi e dal pubblico appassionato. Per queste ragioni c’è il divieto di questa pratica sportiva nel parco.

Per il centauro, un ragazzo residente a Ruvo di Puglia, è scattata la denuncia per violazione della legge quadro sulle aree naturali protette, mentre la moto è stata sequestrata. Inoltre ha ricevuto anche sanzioni amministrative perché l’enduro era senza targa e senza immatricolazione.

Articoli correlati