Monopattini elettrici a Bari, arrivano i limiti di velocità

Dalla prossima settimana in via sperimentale, in alcune zone di Bari i monopattini elettrici non potranno superare la velocità di 15 km/h

Servizio di sharing elettrico su monopattini, oggi la riunione con i gestori per sperimentare riduzione di velocità in alcune aree

Dalla prossima settimana non sarà più permesso ai monopattini elettrici sharing di sfrecciare per alcune vie di Bari, creando non pochi problemi a pedoni e automobilisti. E’ questo il risultato della riunione che si è tenuta stamattina tra gli assessori alla Mobilità Giuseppe Galasso e allo Sviluppo economico Carla Palone , e i gestori del servizio di monopattino sharing a Bari; a questi ultimi è stato chiesta una maggiore attenzione ad azioni che promuovano un uso consapevole dei monopattini su strada.

Ad oggi, infatti, soprattutto in alcune zone della città, vista la presenza di numerosi esercizi commerciali che in questo periodo svolgono attività prevalentemente all’aperto e di una maggiore concentrazione di persone, risulta necessario avviare azioni che limitino l’utilizzo irregolare e irresponsabile dei mezzi. in particolare in alcune ore della giornata.

Le 4 aziende appaltatrici del servizio si sono subito mostrate favorevoli alla richiesta del Comune proponendo una riduzione automatica della velocità dei mezzi a 15km/h, in via sperimentale, dalle ore 19 alle ore 2 nella zona Umbertina, fatta eccezione per il lungomare di Crollalanza e corso Cavour. Gli stessi limiti di velocità saranno attivati sul lungomare di San Girolamo. Si ricorda che nella città vecchia e nelle aree pedonali (via Sparano) i monopattini già oggi non sono operativi.

«Come tutte le novità, anche questo nuovo strumento di mobilità, sempre più diffuso per la facilità di utilizzo e versatilità, necessità di regolamentazioni in progress, tipo questa che abbiamo valutato di sperimentare nel quartiere Umbertino – spiega l’assessore alla Mobilità Giuseppe Galasso -. Il nostro obiettivo è far sì che i dispositivi di micromobilità elettrica diventino una pratica stabile su Bari e per far questo c’è bisogno che l’utilizzo sia consapevole e sicuro, scoraggiando usi impropri e condotte di guida che, specie in aree a forte densità di pedoni, potrebbero rivelarsi pericolose».

«Vogliamo che il servizio di monopattino sharing, che l’amministrazione ha fortemente voluto, continui ad essere un’opportunità per tanti e non un disservizio o un pericolo – commenta l’assessora allo Sviluppo economico Carla Palone -. Soprattutto con la ripresa delle attività economiche e l’utilizzo degli spazi aperti, non vogliamo creare disagi o situazioni di pericolo per residenti e operatori».

 

Articoli correlati