Input your search keywords and press Enter.

Moda etica e sostenibilità, nasce a Prato il marchio “KmZero”

moda etica

Moda etica e consapevole. Una linea di abbigliamento interamente realizzato in lana rigenerata, tutto made in Prato.

Nasce il marchio KmZero e questa volta non si tratta di agricoltura ma di filiera corta nel settore tessile all’insegna della moda etica. Una linea di capispalla trendy, realizzati con lana rigenerata e materiali di reimpiego. Il nuovo brand, che arriverà nella prossima primavera, nasce a Prato, da sempre città pioniera per quel che riguarda la sostenibilità e l’etica del riciclo nel settore tessile.

Studenti stilisti

lana riciclata moda etica

Gli indumenti realizzati per KmZero con materiali di riciclo, verranno distribuiti, con l’ausilio di operatori locali, su una piattaforma per l’acquisto on line

L’idea è di Fabio Fontani, manager del portale pratoexpo.com, e di Fernanda Neri, ex buyer pratese con alle spalle una carriera all’estero. Il brand nasce con il patrocinio del consorzio Pratotrade e dall’Astri, l’Associazione Tessile Riciclato Italiana e vedrà la partecipazione degli studenti del  liceo artistico “Brunelleschi” di Montemurlo. I ragazzi sono coinvolti attivamente nel progetto: saranno infatti proprio loro a disegnare i modelli da realizzare. Gli indumenti realizzati, interamente con materiali di riciclo, verranno poi distribuiti, con l’ausilio di operatori locali, su una piattaforma per l’acquisto on line.

LEGGI ANCHE: Moda sostenibile? Si può

«Studenti e influencer di tutto il mondo potranno acquistare capi della collezione – ha spiegato Fontani – ben sapendo che acquisteranno prima di tutto un concetto di moda etica e sostenibile».

Un brand sostenibile per le scuole di moda di tutto il mondo

KmZero sarà infatti destinato agli studenti di 80 scuole di moda del mondo tra le realtà più prestigiose, dal Polimoda di Firenze alla Central St.Martin di Londra. Quello che ci si propone di fare con KmZero, è infatti essere d’esempio per una politica del riciclo tessile sempre più capillare. E promuovere così la buona pratica del distretto pratese in tutto il mondo.

Trasformare il rifiuto in risorsa

L’associazione A.s.t.r.i. ha preso vita grazie all’impulso di imprenditori del settore tessile che hanno fatto del riciclato il loro punto di forza. L’obiettivo è fare rete, anche includendo quante più aziende possibili all’interno della filiera. L’associazione offre loro un riconoscimento ufficiale e un proprio disciplinare al fine di agevolare tutte le operazioni per la produzione.

Così, con il marchio KmZero, la sostenibilità incontra il modo della moda. E indossare “lana di Prato”, prodotta dall’antica arte dei maestri pratesi, potrà essere sinonimo di stile.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *