Input your search keywords and press Enter.

Ministero dell’Ambiente: varata la flotta per difendere il mare

È sempre pronta a salpare in pochi istanti dall’allarme diramato dalle Capitanerie di Porto che presidiano e controllano il mare. In caso di richiesta può collaborare alla difesa dei mari di altri Paesi. È la flotta di pronto intervento che il ministero dell’Ambiente schiera in difesa dei 7.500 chilometri di costa italiana. Il servizio è fornito dal consorzio Castalia. La rete di unità navali del ministero, impegnate nella lotta contro l’inquinamento del mare, è stata presentata ieri 9 agosto al ministro dell’Ambiente Andrea Orlando.

La flotta antinquinamento del ministero è formata da nove navi d’altura e da ventisei navi costiere (più diversi battelli minori e di servizio) collocate nei principali porti italiani, negli scali a maggiore rischio di inquinamento e in prossimità delle zone di mare più delicate dal punto di vista ambientale, come le riserve e le aree protette. Le unità sono dotate delle tecnologie più moderne ed efficaci, come speciali radar per individuare le macchie di inquinante sulla superficie del mare, algoritmi e modelli di diffusione delle sostanze, dispositivi di assorbimento.

Le basi di pronto intervento sono Imperia, Genova, La Spezia, Livorno, Piombino, Porto Santo Stefano, Civitavecchia, Gaeta, Salerno, Cetraro, Vibo, Messina, Sant’Agata di Militello, Termini Imerese, Trapani, Sciacca, Licata, Pozzallo, Augusta, Porto Torres, Golfo Aranci, Arbatax, Cagliari, Oristano, Crotone, Corigliano, Gallipoli, Otranto, Bari, Termoli, Giulianova, Ancona, Ravenna, Chioggia e Trieste. Inoltre la rete di pronto intervento ha una scorta di attrezzature negli otto depositi a terra: a Civitavecchia, Genova, Napoli, Messina, Bari, Ravenna, Venezia e Cagliari. Alla rete del ministero dell’Ambiente si aggiungono i battelli antinquinamento dei maggiori porti e i servizi privati di alcuni gruppi industriali.

Il sistema di difesa del mare si basa sul “Piano operativo di pronto intervento per la difesa del mare e delle zone costiere dagli inquinamenti accidentali da idrocarburi e da altre sostanze nocive”, approvato in gennaio. Le strategie di intervento hanno alcuni principi di base: trattare la maggior parte dell’inquinamento al largo e il più rapidamente possibile, arrestare l’espansione dello sversamento, difendere soprattutto le coste e le aree sensibili. Per contenere l’espansione dell’inquinamento sono impiegati metodi di contenimento (barriere galleggianti), di raccolta e aspirazione.

Quando i metodi meccanici non bastano, si può ricorrere, ma con estrema parsimonia, anche a prodotti ad azione assorbente o disperdente. La scelta dipende da diversi fattori che vengono valutati caso per caso dalle Capitanerie di porto e dal ministero dell’Ambiente. La tipologia principale di inquinamento delle coste e dei fondali è quella da greggio e carburanti raffinati, causato essenzialmente dal traffico petrolifero e dagli scarichi industriali. Gli incidenti più diffusi sono la collisione, l’incendio, l’incaglio, avarie a infrastrutture petrolifere.

“Uno strumento importante a favore del nostro Paese – ha sottolineato il ministro Orlando – che ci pone all’avanguardia a livello internazionale e che nelle scorse settimane ci ha permesso di bloccare tempestivamente casi gravi di inquinamento, come quello avvenuto a fine luglio nel porto di Salerno”.

(fonte ministero dell’Ambiente)

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *