M’illumino di meno: musei, università, piazze e aziende al buio tra bici e futuro

L'iniziativa di Paola Gianotti

M’illumino di Meno diventa maggiorenne. Venerdì 11 marzo è infatti in programma la diciottesima edizione della Giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili di Caterpillar e Rai Radio2 con Rai per il Sociale. L’edizione 2022 mette al centro il ruolo propositivo e trasformativo della bicicletta e delle piante, perché entrambe hanno dimostrato di poter concretamente migliorare l’esistente

Lo slogan di M’illumino di Meno 2022 è: “Spegnere, pedalare, rinverdire e migliorare”. E sono numerose le iniziative promosse in tutta Italia (qui tutte le informazioni), a cominciare dall’adesione della Presidenza della Repubblica: alle 19 alle 20 resterà spenta la facciata esterna del Palazzo del Quirinale. La partecipazione della prima carica dello Stato rende bene la misura dell’iniziativa che quest’anno sarà ovviamente legata al tema della guerra in Ucraina.

Un piccolo bosco

Paola Gianotti e Fairtrade

E tra le Istituzioni coinvolte nella manifestazione c’è anche il Parlamento Europeo.  Merito di Paola Gianotti (nella foto di apertura), la sportiva quattro volte nel Guinness World Record per essere stata la donna più veloce al mondo a circumnavigare il pianeta in bici. Nell’ambito di “M’illumino di meno”, Gianotti ha promosso una pedalata da Stoccolma a Milano (2.200 km in 14 tappe), passando nell’undicesima tappa proprio dal Parlamento Europeo. Nel suo percorso ha portato con sé un piccolo bosco, ovvero delle piante regalate lungo il tragitto: è il suo contributo per rendere più alberate alcune delle principali ciclovie del nostro continente.

Ma il tour di Paola Gianotti è anche un appello al consumo responsabile, perché insieme a lei viaggiano tanti prodotti del commercio equosolidale Fairtrade: banane, cioccolata, caffè, tè, riso, biscotti, noci dell’Amazzonia e tanti altri confezionati che fanno parte della gamma delle referenze certificate, e che le daranno la carica per affrontare il freddo e la fatica.

Musei e monumenti al buio

Cinque minuti al buio per accendere la speranza di un pianeta più virtuoso. Le luci di Castelli, Musei e Parchi Archeologici facenti capo alla Direzione Musei della Puglia resteranno spente dalle 18.00 alle 18.05 di venerdì 11 marzo: un gesto simbolico nell’ottica di un cambiamento quotidiano.

Per rendere più incisivo il messaggio, la Direzione invita tutti a commentare sui canali social istituzionali, con testimonianze fotografiche, il proprio personale “black out” e/o le sane abitudini che si adottano contro gli sprechi, utilizzando l’hashtag #Milluminodimeno e #Milluminodimenovalepertutti. Un “megafono” per raccogliere quante più adesioni possibili, simboliche oggi, ma di routine domani.

Le università

Anche le Università protagoniste di ‘M’Illumino di meno’. L’iniziativa è infatti patrocinata dal Ministero dell’Università e della Ricerca (MUR) e all’appello del programma ‘Caterpillar’ anche quest’anno risponderanno gli Atenei della Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile (RUS). Tante le iniziative messe in campo: dai contest fotografici, ai tour in bicicletta, dalle visite agli orti e giardini alla condivisione di strumenti per la manutenzione delle biciclette e altro ancora.

La Giornata vuole invitare a fare ognuno la propria parte con piccoli gesti quotidiani per il futuro del pianeta: si può fare attenzione a non accendere troppe luci, si può andare a piedi all’università, si può ridurre leggermente la temperatura delle proprie abitazioni.

Il ruolo del Politecnico

Aderiranno anche il Politecnico di Bari e Adisu Puglia su iniziativa di Meit srl. Le azioni di sensibilizzazione inizieranno dal Politecnico di Bari dove venerdì mattina, 11 marzo, verrà piantato un albero di carrubo per rinverdire una aiuola posizionata davanti all’ingresso di Ingegneria Strutturale con l’obiettivo di sensibilizzare le generazioni future sulla salvaguardia dell’ambiente.

Protagonisti della seconda azione volta a promuovere stili di vita più sostenibili grazie al ruolo propositivo e trasformativo della bicicletta, saranno gli studenti delle residenze universitarie ADISU Puglia di Bari e Lecce che sceglieranno di aderire all’iniziativa spostandosi per l’intera giornata dell’11 marzo con bicilette in propria dotazione o messe a disposizione da ADISU.

La terza azione avrà luogo nelle residenze studentesche Ripamonti, Bassini, Plinio e Canzio dell’Università degli Studi di Milano dove per dieci minuti (dalle 18:30 alle 18:40), saranno spente le luci come gesto simbolico in nome del risparmio energetico.

Gli studenti in bici

L’iniziativa di alcune scuole foggiane

A Foggia saranno anche gli studenti delle scuole a mobilitarsi. Si svolgerà infatti alle ore 13, in Piazza Giordano, la seconda edizione di #scuoledifoggiainbici, una manifestazione in bicicletta di studenti provenienti da alcuni istituti superiori foggiani, per sensibilizzare alla mobilità ciclabile, una delle principali forme di mobilità sostenibile, e per esprimere l’opposizione del mondo della scuola alla guerra.

Gli studenti e i docenti degli istituti scolastici aderenti – spiegano i promotori – giungeranno in Piazza Giordano in bicicletta, preferibilmente servendosi delle piste ciclabili, di cui la città si è recentemente dotata, ma che sono ancora poco utilizzate.

Anche per questa seconda edizione si sono aggregati al Liceo Marconi altri Istituti, il Notarangelo-Rosati, il Volta e il Pascal. Parteciperà, inoltre, anche l’associazione Cicloamici Foggia. Sarà l’occasione propizia per parlare di risparmio energetico, dei vantaggi individuali e collettivi dell’uso della bicicletta, di stili di vita sostenibili.

In piazza Sant’Oronzo a Lecce

Il Comune di Lecce aderisce spegnendo dalle 20 alle 20.30 i pastorali di Piazza Sant’Oronzo e i fari che illuminano il Sedile. Sempre nell’ambito della stessa iniziativa, il movimento LeccePedala promuove il Cicloaperitivo con biciclettata che parte dalle Mura Urbiche alle 18.30 (ritrovo alle 18) e proseguirà lungo strade e piste ciclabili della città per un percorso di circa 6 km fino a raggiungere via Monteroni, dove è previsto l’aperitivo.

Il gruppo Acea

Si mobilitano anche le aziende e le società partecipate come Acea, la multiutility dell’acqua, energia e ambiente, che spegnerà le luci nelle sedi che operano nel Lazio, in Umbria, Toscana, Campania e Molise. L’obiettivo è quello di supportare la campagna di sensibilizzazione sull’importanza dell’uso consapevole dell’energia elettrica che, quest’anno, si svolge in un momento storico in cui la questione energetica sta assumendo un’importanza sempre maggiore e decisiva.

Ma non solo. Energia e sostenibilità sono inoltre i temi centrali di AceaScuola Digital: “SiAMO energia! Spegni la luce e accendi la tua fantasia”, un progetto educativo pensato per sensibilizzare gli studenti attraverso un educational multimediale che racconta le sfide poste dalla questione energetica, dal ricorso alle fonti rinnovabili, alla necessità di ridurre i consumi superflui nella vita quotidiana.

La Torre PwC Italia

La Torre PwC

Luci spente in Torre PwC a Milano e negli uffici PwC a Roma per unirsi al grido d’allarme contro il cambiamento climatico

Nella serata di venerdì 11, per rispettare il “silenzio luminoso” e contribuire attivamente al risparmio delle risorse energetiche, nel quartiere Citylife a Milano la Torre PwC verrà spenta per alcuni minuti, in contemporanea con la Torre di Generali e la Torre di Allianz. Un gesto simbolico coerente con la filosofia di PwC Italia, impegnata sul fronte della sostenibilità ambientale con l’obiettivo Net Zero che prevede, entro il 2030, la decarbonizzazione delle attività aziendali, una significativa riduzione delle emissioni di CO2 connesse agli spostamenti e la neutralizzazione delle emissioni residuali, con progetti di investimento mirati.

La Torre Allianz

Come anticipato, per sensibilizzare sul tema del risparmio energetico e dei cambiamenti climatici, verranno spente dalle 19.45 alle 20.15 tutte le luci e le insegne della Torre Allianz di Milano, il grattacielo più alto d’Italia per numero di piani (50), visibile anche a grande distanza. Ma non è l’unica inizativa del mese: sabato 26, infatti, Allianz prenderà parte all’analoga iniziativa internazionale Ora della Terra – Earth Hour promossa dal WWF, cui aderisce dal 2009, spegnendo dalle 20.30 alle 21.30 luci e insegne dell’iconico grattacielo progettato da Arata Isozaki e Andrea Maffei, oltre a quelle dell’altra sede principale di Allianz a Trieste.

Articoli correlati