Input your search keywords and press Enter.

M’illumino di meno: si spengono le luci (anche al Miur)

Tra poche ore, la Puglia e l’Italia si spegneranno per M’illumino di meno 2018, la festa del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili

Ancora poche all’appuntamento con M’illumino di meno, flash-mob di Radio Rai2 sul risparmio energetico. Per il quattordicesimo anno, i conduttori della trasmissione Caterpillar inviteranno gli ascoltatori a spegnere tutte le luci non indispensabili. Luci spente anche nelle piazze e nei monumenti, per originali esperienze a basso impatto luminoso.

M’illumino di meno 2018 sarà la festa non solo dell’efficienza energetica, ma anche degli stili di vita sostenibili. Oggi, infatti, ricorre anche l’anniversario del Protocollo di Kyoto. L’efficienza energetica è senz’altro uno strumento contro l’inquinamento, ma occorrono ancora significativi cambiamenti ai nostri stili di vita. Caterpillar e Radio Rai2 dedicano M’illumino di meno 2018 alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi, con una simbolica passeggiata verso la luna.

Leggi anche: il nostro primo approfondimento sulla manifestazione

M’illumino di meno: alcune iniziative made in Puglia

Al consueto spegnimento delle luci, alcune città pugliesi coinvolgeranno la popolazione in passeggiate al buio e in momenti di dibattito.

M'illumino di meno

M’illumino di meno “spegnerà le luci” sugli stili di vita sostenibili. A Bari, dopo lo spegnimento dei lampioni sul lungomare, partirà una ciclo-passeggiata

Alle ore 19, si spegneranno a Bari i lampioni ornamentali del lungomare. Alle 19.30, partirà da piazza Mercantile una ciclo-passeggiata, organizzata dal Comune con Legambiente, Fiab (Federazione italiana amici della bicicletta),  Croce Rossa Italiana. A seguire, un aperitivo a lume di candela, per confrontarsi con alcuni esperti sul tema della sostenibilità. In contemporanea, al Campus universitario ci sarà la caccia al kWh: una dinamica caccia allo spreco energetico nelle aule, alla ricerca di luci accese o di finestre aperte che disperdono calore.

A Lecce, protagonisti saranno i bambini del Consiglio comunale dei Ragazzi. Alle 10, le delegazioni di ogni scuola raggiungeranno Piazza Sant’Oronzo a piedi, per incontrare il sindaco Carlo Salvemini. Il Consiglio dei ragazzi consegnerà alcune proposte per migliorare le politiche di risparmio energetico della città. In serata, la luce naturale illuminerà gli imponenti castelli aragonesi della provincia salentina. A Nardò spegneranno le luci artistiche nel castello Acquaviva di Aragona. A Castro le candele illumineranno un percorso nel borgo, l’imponente castello e diversi simboli della perla del Salento.

M’illumino di meno… nella natura e nel mondo

PEFC Italia, ente che certifica la gestione sostenibile nei boschi, contribuirà alla simbolica passeggiata di M’illumino di meno con oltre 2 milioni di passi.

Le passeggiate nei boschi certificati PEFC-Open avranno percorsi aperti anche alle persone con disabilità. Le sedi PEFC di tutto il mondo lavoreranno tagliando i consumi energetici; lo staff della Malesia ha anche organizzato una passeggiata in un’antica riserva forestale. L’istituto professionale Enaip di Tesero (Tn) rimarrà senza corrente elettrica e le lezioni di scienze si svolgeranno all’aperto.

POTREBBERO INTERESSARTI: Le passeggiate nei boschi sostenibili e altre iniziative

M’illumino di meno: il contributo delle istituzioni

Luci spente anche al Miur, il Ministero del’Istruzione e Ricerca. A Roma saranno simbolicamente spente tra le 18.30 e le 18.40 in segno di adesione all’iniziativa. Mentre nelle settimane scorse è stata inviata una circolare a tutte le scuole invitando le docenti e i docenti a rispondere all’appello e a promuovere iniziative per sensibilizzare le ragazze e i ragazzi sul tema dell’efficienza energetica, della salvaguardia dell’ambiente, degli stili di vita sostenibili. In molti istituti si andrà a scuola con il Pedibus o si scenderà prima dall’autobus per fare una parte del percorso a piedi, o si faranno lezioni a tema con esperti.

M’illumino di meno: il contributo di alcune grandi aziende

Luci spente anche in alcune grandi aziende, che promuoveranno tra i loro dipendenti buone pratiche di sostenibilità.

La cartiera Favini ha annunciato progetti di piantumazione nelle foreste del Madagascar, proseguendo la produzione di carta anche da materie prime naturali (alghe e scarti agro-industriali). I dipendenti della cartiera riceveranno un decalogo di buone pratiche ecologiche, da osservare non solo in azienda ma anche a casa e nel tragitto casa-lavoro

Il gruppo assicurativo Unipol spegnerà le insegne delle sedi principali e delle filiali Unipol Banca. In occasione di M’illumino di meno, Unipol consoliderà i suoi Piani di spostamento casa-lavoro, che prevedono convenzioni con le società di trasporto, un sistema di car-pooling  e car-sharing e quattro bike-station con biciclette a pedalata assistita.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *