Input your search keywords and press Enter.

M’illumino di meno: festa del risparmio energetico

Per salvare la Terra bisogna cambiare passo. Il 23 febbraio, M’illumino di meno invita a “camminare al buio”, alla (ri)scoperta di stili di vita sostenibili

Venerdì 23 febbraio, RadioRai 2 rinnova l’appuntamento con M’illumino di meno, festa del risparmio energetico. Per il quattordicesimo anno, la trasmissione Caterpillar evidenzierà l’importanza del risparmio energetico, invitando gli ascoltatori a spegnere tutte le luci non indispensabili.

M'illumino di meno

L’era delle inquinanti lampadine a incandescenza è terminata. M’illumino di meno 2018 sarà anche festa degli stili di vita sostenibili

Il piccolo gesto dei cittadini sarà replicato anche nei grandi monumenti e nelle piazze. Per M’illumino di meno si sono spenti anche la Torre di Pisa, il Colosseo, l’Arena di Verona, oltre ai palazzi simbolo dell’Italia, cioè il Quirinale, Palazzo Madama (Senato) e Montecitorio (Camera dei Deputati). All’estero, si sono spente la Tour Eiffel, il Foreign Office e la Ruota del Prater di Vienna. I musei organizzano visite guidate a bassa luminosità, mentre nelle piazze si fa osservazione astronomica, approfittando del basso inquinamento luminoso.

M’illumino di meno: un piccolo gesto può cambiare il mondo

Dal 2005, M’illumino di meno chiede agli ascoltatori un gesto semplice, ma che può influire radicalmente nella salvaguardia del Pianeta e delle risorse energetiche.

In questi anni, M’illumino di meno ha alimentato una piccola rivoluzione verde. La trasmissione Caterpillar chiedeva agli ascoltatori di cambiare quelle lampade a incandescenza che ora non esistono più. Le lampadine a basso consumo, più durevoli e meno energivore, stanno riducendo gli impatti dell’illuminazione: si consuma meno elettricità, si producono meno rifiuti e, quindi, cala l’inquinamento dell’aria e del suolo.

La società comincia a percepire l’importanza dell’efficienza energetica, ma manca ancora un incisivo supporto da parte della politica. L’efficienza energetica è senz’altro uno strumento per combattere il cambiamento climatico. Al G7 Energia del 2017, gli ambientalisti hanno chiesto di rispettare gli impegni assunti nelle conferenze sul clima, isolando i negazionisti del cambiamento climatico.

LEGGI ANCHE: Greenpeace al G7 Energia

M’illumino di meno 2018: alcune iniziative

Il 23 febbraio, compleanno del protocollo di Kyoto, M’illumino di meno sarà dedicata alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Allo spegnimento delle luci, si accompagneranno passeggiate per raggiungere simbolicamente la luna. «Sono 555 milioni di passi – si legge sul sito di Caterpillar – e dunque c’è bisogno del contributo di tutti. Sotto i nostri piedi c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo».

Snpa – Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente, dedicherà un workshop al tema della mobilità sostenibile. I dipendenti di tutte le agenzie di protezione ambientale sono stati invitati a percorrere a piedi il tragitto casa-lavoro. Al termine di M’illumino di meno 2018, Snpa raccoglierà feedback relativi alle azioni sostenibili adottate, con lo scopo di pensare e realizzare nuove idee per la mobilità sostenibile.

Legacoop promuoverà diversi eventi in notturna a cura delle cooperative di comunità. Tra le attività promosse: ciaspolate notturne, passeggiate nel bosco, percorsi gastronomici.

POTREBBE INTERESSARTI: Il comunicato stampa di Legacoop

La Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile (RUS) organizzerà la Caccia al kWh. Il flash-mob, nei 55 atenei della Rete, dimostrerà come i piccoli contributi di ciascuno possono avere un significativo impatto contro lo spreco di energia. Al Campus universitario di Bari, si andrà a caccia delle luci rimaste accese o delle porte e finestre lasciate aperte, allo scopo di limitare gli sprechi di energia elettrica o di energia termica per riscaldamento.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *