Mesotelioma. Taranto record con  472 casi

Sono “dati da brivido” quelli resi noti dall’associazione Contramianto e altri rischi onlus a proposito delle morti da amianto in Puglia e in particolare a Taranto. Non solo mesotelioma tra le cause di morte, anche tumori alla vescica.

Nel capoluogo jonico nel periodo 1993-2015 i casi di mesotelioma registrati tra i residenti sono stati 472. «Il mesotelioma, il tumore di certezza causato dall’amianto – dice Luciano Carleo, presidente di Contramianto – , ha ucciso a Taranto lavoratori e cittadini», cioè ha avuto una capacità pervasiva impressionante, con una presenza evidente negli anni in quei luoghi dove maggiore è l’esposizione all’amianto, vale a dire ITALSIDER/ILVA, Marina Militare, Arsenale MM Taranto, nei settori navi e cantieristica.

Mesotelioma, i dati

mesotelioma - arsenale marina militare taranto
Secondo Contramianto gran parte delle patologie asbesto-correlate e riconducibili ad operai Arsenale MM di Taranto (nella foto) riguardano meccanici, motoristi, elettricisti, elettronici, carpentieri, ma anche altre mansioni e personale militare

Complessivamente negli ultimi vent’anni il Registro Mesotelioma Puglia ha censito nella regione 1191 casi di Mesotelioma, di cui, appunto, il 40% a Taranto. «Dei 472 casi di mesotelioma dei residenti a Taranto con esposizione ricostruita – continua Carleo – , oltre il 70% sono occupazionali; i rimanenti equamente distribuiti tra non occupazionali o di origine improbabile o ignota.

I dati aggiornati sui casi di mesotelioma riportati nel registro mesoteliomi della Puglia sono stati esposti dalla dottoressa Domenica Cavone (Sezione di Medicina del Lavoro B. Ramazzini DIM Scuola di Medicina Università degli Studi Aldo Moro Bari) nell’ambito del Convegno “RISCHIO AMIANTO IN ITALIA: DA MINERALE PREGIATO A MINACCIA PER LA SALUTE E PER L’AMBIENTE” organizzato dalla SIGEA (Società Italiana di Geologia Ambientale)  in collaborazione con l’Ordine dei geologi della Puglia, l’Ordine dei Chimici della Provincia di Bari e l’Ordine degli Architetti della provincia di Bari. Il convegno, nel corso del quale è stato presentato il volume tematico dedicato all’amianto edito dalla SIGEA e disponibile online al seguente indirizzo: http://www.sigeaweb.it/documenti/gda-supplemento-4-2017.pdf, si è tenuto a Bari lo scorso 12 marzo presso l’Aula Convegni della Camera di Commercio di Bari.

 

Contro il mesotelioma: le proposte di Contramianto

La correlazione tra amianto e malattie rappresenta un problema di sanità pubblica, come puntualmente denunciato da Contramianto, che andrebbe adeguatamente affrontato sul territorio con un programma gratuito di sorveglianza sanitaria per le migliaia di lavoratori e cittadini di Taranto ex esposti amianto, controlli che finalmente, a 26 anni dalla legge 257 per l’eliminazione dell’amianto, sembrano concretizzarsi dopo il recente accordo Stato-Regioni».

LEGGI ANCHE: Amianto: agevolazioni fiscali per eliminare il materiale tossico e fermare la strage

I dati di una strage silenziosa

Da anni Contramianto porta avanti la sua battaglia per evidenziare la correlazione tra l’esposizione alle fibre di asbesto e  le malattie professionali a Taranto nelle attività siderurgiche, della cantieristica e della Marina Militare. Sono infatti mille le malattie professionali denunciate nel periodo 2003 – 2009 e legate all’amianto, polveri ed altri agenti cancerogeni. 360 i casi di cancro polmonare e mesotelioma, 85 i tumori della vescica, 316 le broncopatie, 201 le asbestosi. Un dato confermato anche nel periodo 2012-2016 dalle 207 malattie professionali da amianto denunciate a Taranto e provincia che rappresentano il 60% dei casi regionali per la Puglia.

Siderurgia e cantieristica i settori più colpiti

Nelle attività navali la casistica elaborata da Contramianto si riferisce a Marina Militare e operai civili dell’Arsenale MM di Taranto. La statistica elaborata tiene conto dei  casi riportati dalla Banca dati associativa ed incrocia i suoi dati con casi noti di ReNaM COR Puglia ed ex Ispettorato del Lavoro di Taranto. I dati in questione indicano come la gran parte delle patologie asbesto-correlate e riconducibili ad operai Arsenale MM di Taranto riguardano meccanici, motoristi, elettricisti, elettronici, carpentieri, ma anche altre mansioni e Sottufficiali della Marina, motoristi, meccanici, elettricisti, fuochisti, radaristi, con il coinvolgimento anche di altre categorie e Ufficiali di grado superiore.

contramianto mesotelioma
Contramianto ha denunciato oltre mille malattie professionali nel periodo 2003 – 2009 e legate all’amianto

Le conseguenze sulla salute di operai e marinai sono tragiche, come emerge dalla sintesi dei 300 casi in Archivio Contramianto per patologie asbesto-correlate riferite a Taranto per attività in Marina Militare, Marinai e Operai dell’Arsenale MM di Taranto, dei quali 170 tumorali (90 mesotelioma, 63 cancro polmone, 17 cancro alla laringe, renale, alla trachea, cerebrale) e 130 non-tumorali (asbestosi, fibrosi, placche, ispessimenti dei tessuti) .

Amianto da annullare

«Continua la strage inarrestabile causata dall’amianto e Taranto paga ancora una volta un prezzo altissimo con i suoi morti – conclude Carleo –  che riguarda non solo i lavoratori ma anche mogli, madri e figli che hanno inalato inconsapevolmente polveri di amianto in ambito domestico per gli indumenti da lavoro contaminate dalle fibre cancerogene di amianto. Fermiamo la strage , amianto zero rischio zero».

Articoli correlati