Input your search keywords and press Enter.

Mediterraneo: come stai?

Gli ingredienti per un mare in buona salute? Sono indicati nel Manifesto per un Mediterraneo di qualità, la fotografia scattata dal WWF per delineare i punti di maggior criticità presenti nel mare nostrum. L’iniziativa, l’anciata in concomitanza con l’apertura della settimana dedicata alle tartarughe marine Turtle-week, riporta l’immagine di Mediterraneo ricco ma estremamente vulnerabile. Pur occupando meno dell’1% di tutti gli oceani del pianeta, con le sue 8500 specie conserva il 7,5% di tutte le specie marine. Tuttavia solo l’1% della sua estensione è protetta e la sopravvivenza di specie e habitat è quotidianamente minacciata. L’80% dei pesci è “sovrasfruttato” e ogni anno vengono pescati 1,5 milioni tonnellate di pesce con metodi per lo più distruttivi o addirittura illegali. Con i suoi 300 porti e le 200mila navi di stazza uguale o maggiore a una tonnellata, ospita il 30% del traffico marittimo mondiale. Viene frequentato ogni anno da 220 milioni di turisti (pari al 30% del turismo internazionale), che affollano 46mila km di coste di cui oltre la metà è urbanizzata. Sul fronte dell’inquinamento, ogni anno oltre 600mila tonnellate di greggio vengono deliberatamente scaricate nel mare, l’80% degli scarichi fognari urbani viene riversato senza essere trattato e, nella sola area tra Italia, Spagna e Francia, galleggiano circa 500 tonnellate di plastica. Per non parlare delle navi dei veleni che ancora giacciono sui nostri fondali.

Print Friendly, PDF & Email