Input your search keywords and press Enter.

Meccatronica a scuola con MecDigito

Bari premiata dal MIUR. Il progetto MecDigito ha infatti ottenuto un finanziamento di 670.500 euro nell’ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale, curato dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca.  Il progetto consiste in un laboratorio territoriale a supporto della filiera meccanica, elettrica ed elettronica della terra di Bari e della Puglia, che intende promuovere una economia basata sulla promozione e diffusione della conoscenza ad alto valore innovativo e tecnologico, così da favorire la crescita di competitività delle singole aziende e del sistema socio-economico del territorio grazie allo sviluppo di nuovi processi e prodotti.

Il finanziamento è stato aggiudicato nell’ambito dell’avviso pubblico del MIUR, pubblicato lo scorso settembre, che metteva a disposizione 45 milioni di euro per le scuole che presentavano progetti di attivazione di Laboratori Territoriali per l’Occupabilità: una nuova generazione di laboratori tecnologici, aperti al territorio e ai cittadini anche in orario extrascolastico, che vedono il contribuito di enti locali e imprese. L’obiettivo del bando è creare centri di innovazione dove il sapere teorico si trasforma in competenze pratiche che generano valore economico e sociale.

“MecDigito” intende realizzare un HUB tecnologico della meccatronica da insediare a Bari che collabori in maniera sinergica con aziende locali, ITS, mondo accademico e della ricerca avanzata

“MecDigito” intende realizzare un HUB tecnologico della meccatronica da insediare a Bari che collabori in maniera sinergica con aziende locali, ITS, mondo accademico e della ricerca avanzata

Il progetto barese MecDigito, che ha avuto la meglio su 529 proposte con oltre 1000 istituti coinvolti in tutta Italia, è stato promosso da una cordata di scuole che vede capofila l’IISS “Panetti-Pitagora” di Bari in rete con l’IISS “Guglielmo Marconi” di Bari, l’IISS “Galileo Ferraris” di Molfetta, l’IPSIA “Luigi Santarella” di Bari, l’IISS “De Nittis-Pascali” di Bari, la scuola secondaria di 1° grado “Tommaso Fiore” di Bari, l’IC “Japigia 1-Verga” di Bari e ha come partner istituzionali il Comune di Bari, la Città Metropolitana di Bari, il Politecnico e il CNR – Istituto di Biomembrane e Bioenergetica e Confindustria BARI e BAT – Sezione Meccanica Elettrica ed Elettronica.

MecDigito intende realizzare un HUB tecnologico della meccatronica da insediare nella città di Bari che collabori in maniera sinergica con aziende locali, ITS, mondo accademico e della ricerca avanzata, destinato sia agli studenti di scuola secondaria di 1° e 2° grado, che dovranno orientarsi al futuro e professionalizzare le proprie competenze, sia ai cosiddetti NEET (Not in Education, Employment or Training), ossia quei ragazzi che non sono inseriti in contesti territoriali o familiari che possano favorire l’inserimento nel mondo lavorativo/formativo e che hanno dunque la necessità di riqualificarsi. Della rete tra istituzioni, scuole e soggetti privati fanno parte realtà del territorio che dimostrano una forte propensione all’applicazione e alla ricerca nel campo delle nuove tecnologie, in particolare nei settori della meccatronica, della robotica, dell’informatica e dei nuovi materiali interessate a creare sinergie virtuose per sviluppare ambienti e strutture innovative sul territorio. Il progetto infatti ha l’obiettivo di aggregare le esigenze di innovazione tecnologica del contesto produttivo territoriale, coinvolgendo ogni istituto scolastico nella ricerca di metodologie didattiche e definizione di percorsi formativi adeguati, con la diretta collaborazione dell’ITS della Meccanica/Meccatronica “Cuccovillo”, del CNR e del Politecnico di Bari che supporteranno l’introduzione nell’HUB delle tecnologie più innovative e smart friendly.

La sede del laboratorio MecDigito sarà presso il “Cuccovillo” e in particolare negli spazi dov’era allocato il laboratorio di meccanica dell’IPSIA “Santarella”, ora in disuso, di proprietà del Comune di Bari. Una scelta strategica, quella del Santarella, per il Comune di Bari e la Città metropolitana di Bari, che in questo modo intendono rispondere al sottoutilizzo di una cede scolastica, oggetto negli scorsi mesi di atti di vandalismo e restituirla alla comunità. Il laboratorio sarà dotato di strumentazione avanzata per applicare le più innovative tecnologie presenti attualmente a servizio delle aziende e le aziende, da parte loro, potranno cogliere, grazie ai soggetti formati, la possibilità di introdurre innovazione nei propri contesti organizzativi. La forte caratterizzazione sull’utilizzo di strumenti tecnologici (stampanti 3D, macchine per circuiti stampati, robot, droni, ecc.) sarà inoltre la chiave vincente per il coinvolgimento dei ragazzi in condizione di dispersione scolastica.

La sede del laboratorio sarà presso il laboratorio di meccanica dell’IPSIA “Santarella”, ora in disuso, di proprietà del Comune di Bari

La sede del laboratorio sarà presso il laboratorio di meccanica dell’IPSIA “Santarella”, ora in disuso, di proprietà del Comune di Bari

«Oggi è un bel giorno per Bari – afferma l’assessora alle Politiche educative e giovanili Paola Romano – perché i giovani della nostra città avranno a disposizione a breve, in uno spazio di proprietà comunale sottoutilizzato, un nuovo prezioso contenitore di opportunità formative, apprendimento e innovazione dove sperimentare il proprio talento nei settori produttivi più all’avanguardia. Questo progetto si inserisce a pieno titolo nel percorso che il Comune sta avviando con le principali rappresentanze territoriali, università e ordini professionali sui temi dell’alternanza Scuola/Lavoro. A breve sottoscriveremo un protocollo operativo pluriennale per l’attuazione della Legge 107/2015 che intende consolidare un modello Bari sul tema dell’alternanza e il laboratorio MecDigito sarà al centro dei nostri ragionamenti sulle future applicazioni di questo modello».

Tra gli altri partner che hanno contribuito alla fase di elaborazione della proposta, e che saranno parte attiva in tutte le fasi del progetto, ci sono: l’azienda De Palma Thermofluid snc, la start-up AuLab s.r.l., l’associazione UNISCO – Network per lo sviluppo locale, il Distretto Produttivo della Meccanica Pugliese, APS Robotics, Bosch s.p.a., Getrag Spa, Masmec Spa, Aica, DeOl srl, Mbl, Solutions, MTM project srl, Sitec srl, Easy-d-rom srl, Apulia Makers 3D, APS Robotics, LS Consulting, Tera srl.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *