Input your search keywords and press Enter.

Mazza(IdV):«No agli inceneritori, no al raddoppio dell’ Appia Energy su Massafra»

«Come si fa ad appurare da ora che una seconda linea d’inceneritore non determina un forte impatto ambientale e quindi anche forte impatto sanitario? Specie quando la si vuole realizzare in una zona riconosciuta come Sito d’Interesse Nazionale per problematiche ambientali? Come si fa a rilasciare autorizzazioni quando dovrebbe insistere in un’area già pesantemente gravata da inquinanti di ogni sorta e comunque prossima a siti abitati e per giunta ricadente in ambito territoriale interessato da disciplina di Piano Urbanistico Territoriale Tematico/ Paesaggio? » E’ quello che si chiede il consigliere regionale Patrizio Mazza (IdV) a proposito del raddoppio dell’inceneritore dell’Appia Energy di Massafra. Per Mazza (nella foto),  l’ Assessorato ambiente regionale, ARPA, ASL ed in particolare il sindaco di Massafra devono riveder il rilascio di pareri ed autorizzazioni; inoltre, continua il consigliere, «un “raddoppio d’inceneritore” non potrà mai assurgere a opera di “pubblica utilità” perché già il primo dovrebbe bastare, e siccome già codesto non è l’unico sul territorio ritengo che con la politica degli inceneritori abbiamo abbondantemente splafonato. Si pratichi la strategia “Rifiuti zero”, si intensifichino campagne informative per la differenziata e progetti di vero recupero e si finisca una buona volta di riempire le province di Taranto di inceneritori e discariche perché non ci siamo candidati alla collezione di economie di degrado vita natural durante».

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *