Maxi-sequestro di stupefacenti nel Canale d’Otranto

Nella notte scorsa, poche miglia al largo di Torre Sant’Andrea, località del comune di Melendugno (LE), una vedetta veloce della Guardia di Finanza di Otranto ha sequestrato un gommone di circa 5 metri carico di diversi quintali di marijuana.

Il fermo dell’imbarcazione, carica di stupefacente, è avvenuto nel corso di un’operazione scaturita da investigazioni di vari Reparti della Guardia di Finanza. Hanno cooperato il Reparto Operativo Aeronavale e il Gruppo Aeronavale di Taranto, nonché pattuglie a terra dei Comandi Provinciali di Brindisi e Lecce, coordinati dal ROAN di Bari.

I trafficanti che provenivano dall’Albania, navigavano a luci spente e si apprestavano a sbarcare l’ingente carico di stupefacente in un punto della costa dell’alto leccese, tra San Foca e Torre Sant’Andrea.

I mezzi aeronavali delle Fiamme Gialle, a conoscenza delle tecniche usate dagli scafisti albanesi, sono intervenuti rapidamente, riuscendo così a neutralizzare i trafficanti e dopo un breve inseguimento la motovedetta della Guardia di Finanza riusciva a bloccare la corsa del gommone.

Arrestati i due scafisti, di 42 e 20 anni, entrambi albanesi di Valona; posti sotto sequestro il carico – si presume che quasi la metà di quello originale sia stato gettato in mare dai due trafficanti per facilitarsi la fuga – e il mezzo nautico.

 

Articoli correlati