Lucera: un progetto per la valorizzazione della fortezza svevo-angioina

La Fondazione Apulia Felix Onlus ha promosso un piano di tutela e valorizzazione della fortezza svevo-angioina di Lucera, per lo sviluppo turistico-culturale del sito.

Lo stupor mundi Federico II di Svevia vi fece costruire il suo Palatium. Dapprima i Romani edificarono l’acropoli dell’antica Luceria.  Carlo I d’Angiò la trasformò in fortezza. Tra le mura del castello di Lucera ogni pietra ha più di un aneddoto da raccontare. Qui, la storia non ha semplicemente lasciato testimonianze del passaggio di popoli e sovrani: è impressa a fuoco nel DNA della sua gente.  La Fondazione Apulia Felix Onlus ha promosso un progetto di valorizzazione del sito archeologico che pone come vision la creazione di una comunità di patrimonio di Lucera.

Interventi possibili

Il “Progetto di Valorizzazione della Fortezza Sveva-Angioina” è stato elaborato dalla Fondazione Apulia Felix Onlus. A supporto dell’iniziativa, ha collaborato un gruppo di lavoro multidisciplinare composto da docenti provenienti dalle università di: Foggia, Bari, Roma Tre, Federico II di Napoli, Chieti-Pescara. Per la tutela e valorizzazione del patrimonio archeologico e storico-architettonico della fortezza è stato stimato un impegno di spesa di circa 13 milioni di euro. Gli interventi possibili vanno: dal restauro e recupero del Palatium di Federico II alla sistemazione delle mura, agli scavi archeologici a livello internazionale, alla riproposizione della percezione di quella che era la cittadella medievale, attraverso l’implementazione di semplici sistemi paesaggistici con la vegetazione che cerca di far capire quello che c’è sottoterra. Ancora, la ricostruzione del palazzo angioino con l’intervento dello scultore Edoardo Tresoldi (noto per la sua opera di ricostruzione della Basilica paleocristiana di Siponto), la realizzazione di spazi per spettacoli. La Fondazione ha dunque messo a disposizione del Comune di Lucera una base progettuale, affinché possa candidare la fortezza svevo-angioina ai bandi che prevedono il recupero di monumenti e aree archeologiche.

L’idea di una comunità di patrimonio

Fortezza svevo-angioina di Lucera. Veduta aerea.

Nell’idea progettuale della Fondazione Apulia Felix Onlus c’è l’intenzione di far sì che la fortezza, assieme all’intero sistema museale lucerino, possa contribuire a creare una comunità di patrimonio. Il coinvolgimento attivo della cittadinanza – attraverso gli Enti pubblici, gli imprenditori e l’associazionismo – è di fondamentale importanza. Rifacendosi ai dettami della “Convenzione quadro del Consiglio d’Europa sul valore del patrimonio culturale per la Società”, l’auspicio è di dare senso e valore al patrimonio della città e del territorio, coinvolgendo collettivamente chiunque voglia migliorare l’accesso al patrimonio culturale e alla sua tutela.

LEGGI ANCHE: Riqualificazione edifici storici: la Fortezza di Lucera, un “belvedere” sulla storia

Illuminazione e realtà aumentata

La fortezza svevo-angioina di Lucera è un’area archeologica di notevole grandezza. Alle due poderose torri, del Re e della Regina, si affianca una cinta muraria di circa 900 metri con altre 13 torri quadrate, 2 bastioni pentagonali e 7 contrafforti. Il dissesto idrogeologico ha colpito il versante occidentale del Colle Albano, su cui sorge la piazzaforte. Negli ultimi tempi, dopo decenni di abbandono, qualcosa si è però mosso. Nel 2019, in occasione della festa patronale di Santa Maria Assunta, è stata inaugurata la nuova illuminazione di tutto il perimetro della fortezza. Interventi di consolidamento del dissesto idrogeologico sono stati posti in essere.  Dalla tecnologia arriva il contributo più innovativo. Grazie al progetto ARio di Tera Labs – startup lucerina vincitrice del bando PIN – Pugliesi Innovativi della Regione Puglia – la fortezza è tornata agli antichi fasti grazie alla realtà aumentata. Attraverso la ricostruzione in 3D delle strutture un tempo presenti all’interno del castello, visibili su un dispositivo mobile, il visitatore può vedere com’era la fortezza durante le diverse fasi storiche.

 

Articoli correlati