L’impegno di E.ON per il terremoto in Emilia

Si fa concreto il sostegno di E.ON per le popolazioni e le imprese colpite dal terremoto nel Nord Italia. L’azienda ha predisposto una serie d’interventi per aiutare la ripresa del sistema produttivo in Emilia Romagna e nelle province di Mantova e Rovigo, in aggiunta alle misure introdotte dal Decreto Legislativo n. 74/2012 per le aree soggette al terremoto.

Sono stati sospesi, in particolare, i termini di pagamento delle fatture per la fornitura di energia elettrica e gas per i 104 comuni delle province di Bologna, Ferrara, Mantova, Modena, Reggio Emilia e Rovigo fino al 20 novembre. La sospensione riguarda anche l’emissione delle fatture. La fatturazione riprenderà nel mese di luglio e riguarderà anche le competenze di giugno non fatturate. Per qualsiasi informazione, comunque, è possibile contattare il servizio clienti ai numeri verdi gratuiti 800 999 777 dedicato ai clienti residenziali e 800 999 222 dedicato ai clienti business, attivi dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle 20.00.

Continua, infine, il piano di ricostruzione in favore delle zone maggiormente colpite dal terremoto del 2009 in Abruzzo. E’ stato completato nel 2010 “Casa Onna”, un centro civico realizzato sul terreno della casa comunale distrutta ed a breve sarà ultimato un nuovo edificio polifunzionale a risparmio energetico che comprenderà un ambulatorio medico, uno spazio espositivo sulla storia del paese, un laboratorio didattico e formativo per giovani e un caffè letterario.

Articoli correlati