Input your search keywords and press Enter.

L’eterna emergenza rifiuti in Puglia

L’assessore pugliese all’Ambiente Lorenzo Nicastro ha di recente sostenuto che le discariche esistenti sul territorio regionale consentono la corretta chiusura del ciclo dei rifiuti; le emergenze registrate in passato sono nate da questioni di ordine esclusivamente finanziario.

Non è il caso dell’ATO 5 (ATO sta per Ambito Territoriale Ottimale), ribatte il comitato Riprendiamoci il Futuro: la Procura di Bari sta ancora indagando sulla discarica di Contrada Martucci a Conversano, dove sono stati portati alla luce rifiuti interrati illegalmente all’esterno delle discariche, talvolta coperti da tendoni di uva da tavola.

Lo spostamento della discarica a Brindisi  – contrada Autigno, rappresenta di fatto uno spostamento dell’emergenza rifiuti. Si sospetta infatti che la nuova discarica di servizio-soccorso non possa adeguatamente ricevere i rifiuti provenienti dall’ATO5, i cui cittadini si devono far carico anche delle maggiori spese di trasporto.

Riprendiamoci il Futuro fa dunque notare a Nicastro che la chiusura del ciclo dei rifiuti non si realizza con le buone intenzioni ma con i fatti: ad oggi nell’ex ATO Bari 5 l’impianto di compostaggio non c’è e il 40-50% dei rifiuti (l’organico) dei Comuni che non fanno la raccolta differenziata spinta finisce in discarica.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *