Lego Campus, il quartier generale creativo e sostenibile dove nascono i mattoncini più famosi del mondo

L'ingresso del Lego campus a Billund

A Billund si fa festa per i 90 anni dell’azienda di mattoncini più famosa al mondo. Ma oltre alle attrazioni di Legoland e Lego house, ora nella città danese c’è anche un Lego campus all’insegna della sostenibilità. Per essere creativi in un luogo di lavoro denso di input (e giochi)

Andare al lavoro e incontrare un enorme “omino” che accoglie i dipendenti. Una minifigure di dimensioni giganti. E all’ingresso si arriva non prima di aver saltellato da una casella all’altra della “campana” o essersi liberati da un intricato labirinto. Benvenuti al Lego campus, il maxi ufficio all’avanguardia che, dopo cinque anni di costruzione e pianificazione, è stato aperto dall’azienda di mattoncini più celebre al mondo nella sede centrale di Billund, in Danimarca.

Uno scorcio di Legoland

Divenuta ormai meta di pellegrinaggi laici per la presenza di Legoland – parco divertimenti visitato annualmente da 2 milioni di persone – e Lego house, Billund ospita, ovviamente, anche il quartier generale dell’azienda che quest’anno festeggia il suo 90° anniversario. E, fedele alla sua filosofia che è impressa già nel nome – il termine Lego è un’abbreviazione di due parole danesi “leg dot” che, tradotte, significano “gioca bene” -, la società fondata nel 1932 da Ole Kirk Christiansen porta ancora con sé un’idea fondamentale: se devi far divertire giocando, devi essere il primo a divertirti (anche lavorando). Oppure, per dirla con le parole di Niels B. Christiansen, CEO di LEGO Group, “fornire un ambiente di lavoro vivace e giocoso che consenta ai dipendenti di offrire esperienze stimolanti per i bambini”.

Tutto riassunto nel campus, in strada Astevy. Dove al divertimento e al gioco, si unisce anche la sostenibilità. Disegnato da C.F. Møller Architects, il campus si estende su 54.000 metri quadrati, creando un luogo di lavoro innovativo per circa 2000 dipendenti e “una casa lontano da casa per tutti i colleghi del LEGO Group in tutto il mondo”.

Un posto di lavoro sostenibile

L’esterno del Lego campus

Il campus, in linea con la svolta green impressa negli ultimi anni dal gruppo Lego, è stato progettato all’insegna della sostenibilità. Ottenendo una certificazione LEED di livello Gold, il Campus è infatti un edificio per uffici di alta qualità a basso consumo energetico, in parte alimentato da pannelli solari installati sul tetto del vicino parcheggio.

Leggi anche: LEGO sempre più green. Ecco i mattoncini dalla canna da zucchero

Anche il lungo e complesso iter della costruzione è stato contraddistinto da una traccia green. Nel campus c’è infatti un pannello in fibra di gesso speciale che ha portato al risparmio di 650.000 kg di emissioni di CO2 durante la costruzione e 1000 tonnellate di rifiuti da sono state riciclate durante la realizzazione dell’edificio.

L’interno di Lego house

Tutti i mobili da esterno sono stati realizzati con i mattoncini LEGO di scarto e i rifiuti sul posto di lavoro sono suddivisi in dieci differenti categorie per avere un grado di efficienza maggiore nella gestione del ciclo dei rifiuti. Inoltre, sono state collocate piante sulle superfici del tetto che raccolgono l’acqua piovana che irriga gli spazi verdi circostanti e il parco è abbellito e arricchito da piante autoctone, alberi e ambienti naturali piantati per sostenere la fauna selvatica. Ovviamente, il campus è collegato al resto della città attraverso una pista ciclabile.

Gli spazi comuni

L’attrazione Atlantis a Legoland

Un elemento importante in LEGO® Campus è la “Casa del popolo“, un concetto sviluppato in stretta collaborazione con i dipendenti che offre a tutti i lavoratori uno spazio per fare rete e giocare durante e dopo l’orario di lavoro. Con i progetti iniziali sviluppati per la prima volta nel 2014, la “Casa del popolo” è solo una delle tante caratteristiche del campus che consente a un ambiente più flessibile di lavorare e giocare e riflette lo stile di lavoro ibrido in atto nel LEGO Gruppo. Creata come luogo di relax, ispirazione e ricarica, la “People House” dispone di strutture tra cui uno studio fitness all’avanguardia, uno spazio laboratorio creativo, un alloggio in famiglia LEGO per i dipendenti in visita, un cinema, un parco esterno e una zona di attività , cucina per cucinare in comune e networking e un ambulatorio. Anche le famiglie dei dipendenti sono invitate a utilizzare le strutture.

La fabbrica a emissioni zero

Billund, ma non solo. Il LEGO Group ha infatti annunciato a giugno l’intenzione di investire oltre un miliardo di dollari per costruire una nuova fabbrica nella contea di Chesterfield, in Virginia. Una volta completata, la struttura di 160.000 m2 darà lavoro a più di 1.760 persone. La fabbrica sarà progettata per funzionare come una struttura a emissioni zero. Il 100% del suo fabbisogno energetico quotidiano sarà soddisfatto dall’energia rinnovabile generata da un parco solare in loco. Il sito sarà inoltre progettato per ridurre al minimo il consumo di energia e l’utilizzo di risorse non rinnovabili.

La costruzione inizierà nell’autunno 2022 e la produzione dovrebbe iniziare nella seconda metà del 2025. All’inizio del 2024 verrà aperto un sito di imballaggio temporaneo in un edificio esistente nelle vicinanze, creando fino a 500 posti di lavoro.

Articoli correlati