Input your search keywords and press Enter.

Legambiente presenta “Puliamo il Mondo”

Venti candeline da spegnere e un impegno da onorare. Legambiente festeggia nell’ultimo week end di settembre – più precisamente dal 28 al 30 – le “olimpiadi del pulito” con la manifestazione Puliamo il Mondo: migliaia di volontari scenderanno in piazza, per le strade e per i giardini del nostro Stivale, armati di scope, palette e tanta speranza.

Tra ecosostenibilità, patrimonio culturale ed umano – La manifestazione sarà un altro, l’ennesimo esempio tangibile di come l’Italia, a partire dai suoi cittadini, sia fortemente coinvolta e sensibile in materia di tutela ambientale e insieme riscoperta del proprio patrimonio culturale: dal 1993 – anno di nascita dell’evento, che ha seguito le orme internazionali di “Clean up the World” – il messaggio lanciato da Legambiente ha sempre avuto questo duplice obiettivo e l’adesione è stata massiccia, con un’eco ogni anno più ampia, tanto da coinvolgere direttamente il ministero dell’Ambiente; e la stessa RAI – in quanto servizio pubblico – non lesina di proporre sia un’accurata campagna informativa e di sensibilizzazione pre-evento, sia la diretta di domenica 30 settembre, da Venezia. Proprio sul capoluogo veneto saranno puntati i principali riflettori per quel che riguarda la pulizia e manutenzione del Canal Grande (le rive, ma anche i fondali con squadre di sub). Anche Roma e Paestum saranno sede di altre importanti attività: nella capitale verrà ripulita la storica area di Colle Oppio, ai Fori Imperiali, mentre a Paestum i maggiori sforzi si concentreranno su Porta Marina, l’antica porta della città che dava sul mare; e non può nemmeno mancare un occhio di riguardo per le zone colpite dal recente sisma, in Emilia, dove si preannuncia – malgrado le difficoltà – un’appassionata presenza.

E la Puglia? – Anche la Puglia sarà teatro di molteplici iniziative: il programma completo della tre giorni si può trovare visitando il sito di Legambiente Puglia, ma segnaliamo comunque gli eventi di punta che riguardano i Comuni di Polignano a Mare – dove una squadra di sommozzatori coadiuvata dai vigili del fuoco farà una massiccia opera di pulizia dei fondali marini, raccogliendo pneumatici da smaltire e riciclare –, Gravina di Puglia – nella quale l’associazione “Rete dei Cittadini” ha promosso un interessante appuntamento tra arte ed ecologia (laboratori del riciclo, spettacoli teatrali e musicali) – e soprattutto Andria e la pulizia della pineta vicino Castel del Monte. Proprio su quest’ultimo si è positivamente espresso Cesare Veronico, presidente del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, dichiarandosi «lieto di questa collaborazione con Legambiente, sorta e consolidatasi in modo spontaneo negli anni. A Castel del Monte siamo particolarmente affezionati, perché è il biglietto da visita del mondo per il Parco Nazionale della Murgia: un intervento straordinario grazie anche alla collaborazione dei comuni, delle relative amministrazioni, e dei cittadini». Grande soddisfazione anche per il presidente di Legambiente Puglia, Francesco Tarantini, che ha anche evidenziato il valore educativo ed il coinvolgimento delle fasce più giovani della popolazione, rendendo questi giorni dei «semi gettati per il futuro».

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *