Input your search keywords and press Enter.

Le 5 proposte del Wwf per rilanciare i trasporti internazionali su rotaia

Le scelte per l’Alta Velocità devono essere riviste. L’invito giunge dal Wwf che avanza 5 proposte d’intervento al Governo in occasione della manifestazione No Tav che si terrà il 25 febbraio in Val di Susa.

L’associazione ritiene che siano prioritari interventi sul Nodo di Torino, vero collo di bottiglia del Nord Ovest, sulla direttrice verso la Francia, e per rendere finalmente operativo il Servizio ferroviario metropolitano; l’adeguamento delle linee di adduzione Nord-Sud  che collegano il Gottardo e il Sempione/Loetschberg sulle direttrici Domodossola/Novara e Milano e verso il valico di Tarvisio, sulla direttrice  di Cervignano/Udine, accompagnate dal completamento della Parma-La Spezia, al servizio del Nord-Ovest e del Nord Est e sulla direttrice trasversale Est-Ovest Mediopadana (Torino-Asti-Pavia-Cremona-Monselice-Padova), da prolungare sino a Chioggia, come linea da dedicare alle merci, in modo da sgravare le linee che collegano le principali aree metropolitane del Nord. Questi potenziamenti devono essere accompagnati da interventi di sistema come misure tariffarie progressive sui mezzi pesanti, come richiesto dall’Europa, che disincentivino il traffico merci su gomma ed un piano di investimenti per promuovere il traffico merci su rotaia, rilanciando il sistema Cargo delle Ferrovie dello Stato e i poli logistici ferroviari.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *