Input your search keywords and press Enter.

L’Assessore Barbanente spiega il Ddl contro l’abusivismo edilizio

Maggiori poteri alla Regione Puglia e strumenti per intervenire sul territorio. Sono i due punti salienti della legge n. 44 “Norme in materia di funzioni regionali di prevenzione e repressione dell’abusivismo edilizio” sui quali si è soffermata l’assessore all’assetto del Territorio, Angela Barbanente.

Su questo l’Assessorato sta già da tempo lavorando: il disegno di legge, infatti, scaturisce dall’attività di monitoraggio e schedatura degli abusi svolta negli ultimi anni dal Servizio Urbanistica regionale. La legge, all’interno della cornice di competenze tracciata dal testo unico sull’edilizia, infatti, fornisce strumenti operativi di prevenzione e repressione all’Amministrazione regionale e gli Enti locali. In particolare, prevede un fondo di rotazione destinato ai Comuni perché questi, in mancanza di adempimento da parte dei responsabili, possano provvedere all’esecuzione delle demolizioni e dei ripristini in danno; strumenti per rendere più rapido ed efficiente l’interscambio di informazioni fra enti ed a migliorare il coordinamento dell’azione amministrativa, anche grazie all’utilizzo del Sistema Informativo Territoriale regionale.

«Occorre evitare che la collettività – ha detto l’assessore – abbia l’idea di una scarsa o inefficace azione preventiva e repressiva da parte dalle Amministrazioni competenti, perché questo, a sua volta, può favorire la diffusione di quel senso di impunità che rende il fenomeno dell’abusivismo apparentemente indomabile. Prevenire e reprimere l’abusivismo edilizio, invece, è nostro dovere e con questa legge ci diamo ulteriori strumenti per poter operare efficacemente in questo difficile campo».

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *