Input your search keywords and press Enter.

L’ambiente al Forum Rifiuti 2016

raccolta differenziata

La preoccupazione degli italiani nei confronti delle tematiche ambientali torna complessivamente ai livelli di due anni fa. Lo mette in evidenza la rilevazione sulla sensibilità ambientale degli italiani e sulle opinioni e comportamenti in tema di rifiuti realizzata da Lorien Consulting, presentata in occasione del Forum Rifiuti 2016 organizzato da Legambiente, La Nuova Ecologia e Kyoto Club, con la partnership del Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati.

Il 35% degli italiani, infatti, si ritiene preoccupato e per contrastare i danni ambientali siano necessari investimenti strutturali piuttosto che semplici interventi contingenti, in primo luogo la riconversione energetica vero le fonti rinnovabili e la messa in sicurezza del territorio italiano. I cittadini ritengono che i principali responsabili della salvaguardia dell’ambiente siano proprio loro stessi (57%), più di qualunque altra istituzione o realtà organizzata. Oltre a ritenersi informati sulle tematiche ambientali, si sentono anche responsabili in prima persona e sono anche sempre più disposti a impegnarsi per un cambiamento (+ 0,6 punti su una scala da 1 a 10 solo nell’ultimo anno).

I cassonetti per la raccolta differenziata

I cassonetti per la raccolta differenziata

Gli italiani, inoltre, ritengono la gestione dei rifiuti inefficiente nel novero delle più importanti minacce ambientali (28%), subito dietro ad inquinamento e cambiamenti climatici (30%), inquinamento industriale di acque, terreni e aria (34%) ed inquinamento atmosferico (44%). Oltre il 50% si ritiene informato sul tema della raccolta differenziata e del riciclo. Il 93% degli italiani fa la raccolta differenziata (solo il 7% dichiara di non farla) e di questi il 59% la ritiene un’azione importante. Coloro che non fanno la raccolta differenziata, invece, lamentano soprattutto la mancanza di infrastrutture adeguate (cassonetti). Ad oggi la situazione in Italia è equamente suddivisa tra raccolta porta a porta (43%), raccolta stradale (46%) e mista (11%).

Al Forum Rifiuti è stato presentato, inoltre, il rapporto dell’ Osservatorio Recycle di Legambiente sulla sfida nel settore delle costruzioni che fa il punto sull’innovazione nei cantieri e nei capitolati per ridurre il prelievo da cava e l’impatto sull’ambiente. Un tema che rientra pienamente nel discorso sull’economia circolare. Infatti, un rilancio del settore che permetta di ridurre l’impatto sugli ecosistemi e al contempo di creare lavoro e ricerca applicata è concretamente possibile, come bene dimostra la trentina di esempi di cantieri raccolti nel dossier, di edifici e infrastrutture dove sono stati impiegati materiali provenienti dal riciclo. Si tratta di esperienze che dimostrano l’esistenza di norme codificate basate sulle prestazioni che permettono ai materiali da riciclo di poter competere sul piano tecnico ed anche del prezzo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *