Input your search keywords and press Enter.

La Toscana ripensa ai suoi parchi

A sedici anni dalla legge quadro regionale, Legambiente lancia una proposta per dar nuova linfa ai parchi regionali in Toscana. La priorità è quella di rilanciare i Parchi partendo da un’adeguata riforma della normativa. Legambiente desidera, perciò, intavolare una trattativa con la Regione Toscana, Federparchi e le altre associazioni ambientaliste in modo da trovare un nuovo ruolo e una nuova prospettiva per i parchi. «I parchi e le aree protette presenti in Toscana – ha detto Angelo Gentili, della segreteria nazionale di Legambiente – rappresentano senza dubbio un’enorme ricchezza che dobbiamo valorizzare e tutelare, fornendo strumenti legislativi e risorse finanziarie adeguate che consentano sempre più a questi presidi di diventare, oltre che aree di conservazione e tutela, anche modelli di sviluppo sostenibile per l’intera regione». Intanto una risposta arriva da Federparchi: «Siamo ben disposti alle modifiche dei regolamenti – fa sapere Giampiero Sammuri, presidente nazionale Federpachi e presidente Parco della Maremma –. L’esperienza fatta ci deve portare non a riscrivere la legge, visto che non ce n’è il bisogno, ma a modificarla. La Regione Toscana a differenza di altre regioni ha fatto solo 3 parchi, creando poi una rete di aree protette gestite dagli enti locali. Questa è una scelta giusta, che va però portata fino in fondo con la gestione degli enti».

Print Friendly, PDF & Email